Calcio, Eccellenza: Anzio-Fidene: 90’ per la promozione

0
57

 Si rinnova, per l’ultima volta, la sfida tra Fidene e Anziolavinio. A sette giorni di distanza dallo scontro diretto del Salaria Sport Village, dove i padroni di casa del Fidene, imponendosi per 3 reti a 0, hanno raggiunto gli avversari costringendoli allo spareggio, le due formazioni si ritrovano domani al “Del Bianco” di Anagni, per porre fine a uno dei gironi più incerti del campionato di Eccellenza visti negli ultimi anni. Vincere significa conquistare la promozione diretta al prossimo campionato di serie D, mentre per gli sconfitti bisognerà passare attraverso i play-off. Due squadre che si presentano a questo appuntamento in condizioni tecniche, ma soprattutto mentali, diametralmente opposte. 

La sconfitta dello scorso weekend ha certamente lasciato delle tracce nella mente dei giocatori dell’Anziolavinio che, in novanta minuti, sono passati dalla possibilità di conquistare la promozione diretta all’incubo dello spareggio.  Secondo il pensiero di mister D’Este il livello dei “portodanzesi” è ben diverso da quanto fatto vedere al Salaria. «Quello che ha pesato – commenta il tecnico – è che, per molti mesi, non abbiamo avuto avversari, ma adesso dobbiamo concentrarci su questa gara». Un match che l’Anziolavinio affronterà senza due pedine importanti come Sacchetti e Panella. Predica calma invece il mister del Fidene Lo Pinto. Aver raggiunto lo spareggio è un grande risultato, ma questa nuova sfida va affrontata come se nulla fosse successo. «Se siamo arrivati sin qui il merito è della squadra – ha commentato il tecnico del Fidene, chiamato a stagione in corso a raddrizzare un campionato iniziato non con i migliori auspici –. Arriviamo a questa sfida in una condizione ottima, è un’opportunità che non vogliamo fallire».  

 

 

                                                                                                           Paolo Pizzi