Tivoli, ragazzina violentata da un sedicenne

0
63

 Aggredita e violentata a tredici anni da un sedicenne suo connazionale. La denuncia è stata presentata l’altra notte da una ragazzina romena accompagnata presso il nosocomio tiburtino dalla madre. Erano le sei di sera quando il personale del pronto soccorso del "San Giovanni Evangelista", come da protocollo, ha avvisato la centrale operativa dei carabinieri della Compagnia  di Tivoli . Subito sono partiti i primi accertamenti volti a risalire all’aggressore,  che  hanno consentito ai militari di risalire al sedicenne. Lui, ancora minorenne si era invaghito di quella ragazzina. Le immediate ricerche hanno permesso di individuare il giovane, nascosto al campo nomadi di Roma via di Salone.

La 13enne ha raccontato ai carabinieri di essere stata obbligata a salire su una auto e di essere stata portata in un luogo isolato, dove il sedicenne dopo averla immobilizzata ha provato a violentarla. L’abuso non è riuscito immediatamente, anche grazie alla forte reazione della 13enne che le è comunque costata evidenti lividi su tutto il corpo.  Il ragazzo ha anche cercato, in un secondo momento, di comprarsi il silenzio della ragazzina, offrendole dei soldi.

Alla luce dei gravi indizi di colpevolezza e del fondato pericolo di fuga, il ragazzo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto ed è stato accompagnato presso il centro di prima accoglienza di Roma, a disposizione dell\’autorità giudiziaria, davanti alla quale dovrà rispondere di violenza sessuale aggravata.