Esposto contro ampliamento Barbuta

0
32

 Il comune di Ciampino ha cominciato una perseverante battaglia per risolvere le problematiche che, a inizio settimana, tanti disagi hanno provocato agli abitanti: i sei incendi scoppiati lungo la linea ferroviaria a causa della sterpaglia secca lasciata incolta, e al campo nomadi de La Barbuta, a causa delle condizioni insalubri in cui l\’area versa. È di questi giorni, infatti, la decisione del sindaco di Ciampino, Walter Enrico Perandini, di andare fino in fondo su entrambi i versanti, richiamando alle proprie responsabilità sia il comune di Roma che l\’ente Ferrovie dello Stato in merito agli interventi mancati. Pe quanto riguarda La Barbuta, è stato presentato un esposto al Comandante della Polizia Municipale del X Municipio di Roma per contrastare i lavori abusivi che sono stati riscontrati dalla polizia locale di fronte alla sorgente Appia ed all\’aeroporto. Si è appurato che sono stati effettuati scavi ed altre attività riferibili ad un presumibile ampliamento del campo in direzione della ferrovia, esattamente dietro al distributore di benzina Agip nella strada provinciale di Ciampino. Tali lavori hanno interessato ingenti riporti di terreno con presumibile modifiche al piano di campagna. Inoltre, l\’area in questione è  sottoposta a vincolo archeologico, sovrastante ad una falda acquifera,  è in piena zona di cono di volo ed è posta nelle immediate vicinanze del vincolo ferroviario.

La questione dell\’ampliamento dell\’area destinata ad alloggiare i nomadi è scoppiata in tutta la sua gravità in seguito all\’annuncio fatto dal sindaco di Roma Gianni Alemanno nei confronti del quale il sindaco Perandini ha immediatamente risposto facendo domanda di accesso agli atti al Sindaco di Roma ed al Prefetto Pecoraro, Commissario straordinario per l\’emergenza nomadi del Lazio, per chiedere se fosse stato deliberato l\’ampliamento del campo nomadi in oggetto, se fossero stati adottati atti amministrativi in tal senso ricevendo come risposta dal sindaco di Roma che l\’unica autorità demandata a decidere sull\’eventuale nuova collocazione dei campi nomadi è il Prefetto di Roma, e dal Prefetto di non aver adottato alcuna determinazione sulla idoneità del sito per la costruzione di un nuovo villaggio. Stessa risposta, Perandini ha ricevuto da Sandro Medici, presidente del municipio X contattato per conoscere la natura dei lavori nel campo e per prendere visione degli atti amministrativi prima di inviare l\’esposto.

Per quanto riguarda i cinque incendi che si sono sviluppati lungo i binari delle stazioni di Ciampino nella giornata di lunedì, il sindaco ha inviato alla Direzione di R.F.I. un sollecito di intervento urgente di bonifica delle scarpate delle linee ferroviarie, come stabilito nel regolamento comunale, liberandole da siepi, rovi e da ogni altro seccume vegetale e materiale infiammabile depositato, che ha provocato il divampare delle fiamme fino al centro abitato, distruggendo un giardino condominiale in viale Kennedy. Perini ora rimane in attesa di un riscontro risolutivo da parte degli enti chiamati in causa, avvisando che se le risposte non saranno celeri si provvederà a legittime azioni sostitutive per garantire la sicurezza degli abitanti di Ciampino.


                                                                                                             Elena Amadori