Gaia, il commissario ci riprova .Sì a un nuovo bando

0
34

 E siamo a tre. L\’ultima chance per evitare lo spacchettamento del Consorzio Gaia rimane l\’indizione di una nuova gara ad evidenza pubblica ma questa volta senza una base d\’asta. E\’ quanto ha dichiarato il Commissario Lolli al termine di un vertice con le organizzazioni sindacali tenutosi nella tarda serata di martedì. Le nuove disposizioni sembrano già chiare ma per una definizione ultima della procedura servirà un confronto con il Comitato dei garanti presso il Ministero dello Sviluppo Economico. 

Secondo quanto riportato dai sindacati, il nuovo bando dovrà concludersi entro 52 giorni. Non ci sarà alcun tetto alla transazione: vince chi offre di più. Le prescrizioni, a questo punto doverose, sono tutte da definire ma adesso non ci sono più quei sessantatre milioni di euro sul piatto della bilancia. Per concludere la trattativa potrebbe bastare ben molto meno. Possibile un accordo istituzionale. La Regione Lazio ha già fatto sapere di voler partecipare anche in virtù dei crediti vantati nei confronti del Consorzio. Resta da verificare la posizione della Capitale ancora troppo vuota di contenuti (e fondi). Quanto agli altri Comuni la buona notizia è che adesso stanno pagando regolarmente le proprie quote. Gli stipendi di settembre e ottobre sono per ora al sicuro, per i debiti ci sarà tutto il tempo per intraprendere una battaglia giudiziaria dalle previsioni piuttosto oscure.

 

 

                                                                                                                           C.S.