Scuola Collefiorito, in arrivo nuovi addetti alle pulizie

0
43

  Buone notizie per i 300 bambini della scuola di via Rosata a Collefiorito, da lunedì scorso a casa perché nelle loro aule nessuno pulisce. L’ultimo intervento, dopo l’ordinanza di chiusura e le proteste dei genitori, è stato quello del sindaco Eligio Rubeis che ha annunciato di avere “sollecitato il sottosegretario alla Pubblica istruzione Giuseppe Pizza, al fine di predisporre interventi risolutivi nel plesso: «Ho parlato con Pizza – ha spiegato Rubeis – il sottosegretario mi ha detto di avere contatto i vertici della ditta Miles, ottenendone l’assicurazione che il personale impiegato nel plesso in oggetto, sarà incrementato di due unità già dalla prossima settimana. Due nuovi addetti alle pulizie che andranno ad aggiungersi al terzo collaboratore scolastico già destinato dal ministero alla scuola elementare di via Rosata. Sono convinto che in questo modo l’annoso problema della carenza di pulizia nelle aule e negli annessi bagni, verrà definitivamente risolto».  Analoga soluzione era stata paventata nei giorni scorsi dalla dirigenza scolastica del plesso che aveva ipotizzato anche una possibile riapertura dell’Istituto per il prossimo lunedì. La scuola di via Rosata è al centro di una questione che perdura da sette anni. Da quando il ministero della Pubblica istruzione ha affidato – attraverso un bando ad evidenza pubblica – il servizio di pulizia dei plessi statali presenti tra Roma e provincia alla Miles, una ditta che per svolgere tale servizio si avvale dell’utilizzo dei lavoratori di pubblica utilità. Negli anni però, il numero di questi addetti è andato scemando, determinando una situazione di sotto organico non più in grado di garantire il servizio. E dopo il sopralluogo della Asl la scorsa settimana il primo cittadino ha deciso di chiudere le 17 aule con relativi bagni (11 al piano terreno, 6 al piano primo). Ai genitori in protesta e ai bambini non resta che aspettare.