Pomezia, lavoratori del call center Herla senza stipendio da un anno

0
85

 Senza stipendio da mesi. E’ per questo che 30 lavoratori a tempo determinato del call center Herla Italia di Pomezia sono in sit in di protesta da lunedì scorso sulla terrazza dello stabile di via Campobello. Una situazione drammatica che va avanti da troppo tempo e ha portato all’esasperazione gli operatori dell\’azienda subentrata a Sercomm nel marzo di quest’anno, che sul tetto dello stabile hanno passato due notti consecutive, arrivando a minacciare gesti eclatanti se non fosse intervenuta la proprietà dell’azienda con i soldi dovuti. E si tratta di tanti soldi, visto che i lavoratori non percepiscono stipendi e contributi dall’ottobre del 2009. «Abbiamo resistito per mesi», ci dice Raffaella N., una delle lavoratrici in protesta, «ma la situazione è peggiorata quando ci siamo resi conto che all’inizio dell’anno eravamo circa 400 dipendenti e ora siamo rimasti veramente in pochi. Qualcuno è stato messo nella condizione di andarsene dopo la proposta di trasferimento presso la sede operativa di Nola, che si è poi rivelata una “sede fantasma”, altri si sono licenziati per giusta causa, altri sono stati contattati da una società che fa capo alla stessa proprietà». Il timore di una chiusura improvvisa dell’azienda e quello di rimanere con le tasche vuote ancora per molto ha spinto i lavoratori a occupare la terrazza dello stabile dove, in questi due giorni di protesta, sono stati assistiti da carabinieri, vigili del fuoco e 118 e ascoltati dal sindaco di Pomezia, che nella serata di ieri ha raggiunto i manifestanti promettendo la richiesta di intervento del Prefetto. Nessuna traccia, invece, delle rappresentanze sindacali. Dall’azienda solo una comunicazione tramite il legale: «Qualsiasi accordo definitivo dovrà essere fatto in sede di conciliazione monocratica dinanzi al servizio ispettivo, che inizierà il 20 ottobre prossimo. In attesa, l’azienda ha offerto un pagamento di un importo che va dai 600 agli 800 euro cadauno». Un “gettone” che non soddisfa i lavoratori, che scelgono di continuare la protesta finchè la proprietà non salderà il debito.

 

 

 

 

                                                                                                          Teresa Di Martino

È SUCCESSO OGGI...

Bomba carta al centro accoglienza: paura a Rocca di Papa

"Abbiamo annullato il previsto sit-in previsto per stamattina a cominciare dalle ore 9 davanti dell'ex centro spirituale 'Mondo Migliore' sulla Via dei Laghi ai Castelli, utilizzato ormai da tempo come entro d'accoglienza per richiedenti...

L’associazione degli ambulanti in allarme scrive a Papa Francesco

I rappresentanti della categoria degli ambulanti d'Italia hanno sottoscritto ed inviato una lettera  a  Papa Francesco, inoltrata anche al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e alla presidentessa della Unione delle comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni. Nella...

Atac a un passo dal crac. Rota: «Schiacciati dai debiti»

"In questi mesi ho preso progressivamente atto di una situazione dell'azienda assai pesantemente compromessa e minata, in ogni possibilità di rilancio organizzativo e industriale, da un debito enorme accumulato negli anni scorsi". Lo dice...

Verde, monitoraggio di 82mila alberi: controlli e tagli di quelli pericolosi

Partono oggi i lavori di monitoraggio, sorveglianza, custodia e pronto intervento h24 sulle alberature comunali. Più di 82mila alberi tra pini, platani, lecci e altri generi di “prima grandezza” (pari o superiori ai 20 metri) posizionati...

Termovalorizzatori di Colleferro, allo studio una riconversione

"Sembrava quasi ci fosse un accordo per portare i rifiuti di Roma a Colleferro. Quelli sono due impianti che sono stati sottoposti a revamping, rispetto ai quali si sta facendo una valutazione per come riconvertirli,...