Scatta il piano affissioni, ma non si arresta la lotta all\’abusivismo

0
105

 

Diciassette anni di affissioni più o meno incontrollate  che hanno trasformato la capitale in una foresta di segnali, cartelli mega e mini e tante irregolarità, oltre a un netto scadimento del decoro urbano, soprattutto nelle periferie.

Con il piano cartelloni appena varato dal Comune arriva quindi una serie di regole certe che potrebbero contribuire modificare, e non di poco, lo scenario urbano.  Il provvedimento non mette certo tutti d’accordo, dal momento che comitati locali come “Cartellopoli” chiedono regole diverse e sanzioni più severe.

Il piano riorganizza la città in zone, esattamente tre: una non urbanizzata di 82mila ettari, dove le affissioni saranno vietate; una cittadina da 47mila ettari dove sono permesse; il centro storico, con Vaticano e Basilica di San Paolo, dove saranno concessi solo  spazi “utili”. E i cartelloni consentiti, inclusi i 4X3 che restano validi, saranno solo di 7 tipi diversi. Secondo i dati del Comune il nuovo piano ridurrà gli spazi pubblicitari della città del 27% , passando dai 220mila mq di impianti odierni a 162mila.

Ovviamente soddisfatto è stato il giudizio di Alemanno: «Con l'approvazione del primo Piano regolatore degli impianti pubblicitari dimostriamo di non avere un atteggiamento flessibile rispetto all'attacco delle associazioni criminali che gestiscono un vero e proprio racket delle affissioni abusive – ha detto il sindaco – Per sconfiggere il mostro dell'abusivismo abbiamo bisogno di un'attività investigativa e si dovrà valutare anche l'introduzione di un nuovo reato».

Il Comune ha affidato il controllo delle violazioni ad alcune squadre specializzate di polizia municipale, e ha intenzione poi di coinvolgere i cittadini nell’indicazione delle irregolarità attraverso un indirizzo email dedicato (segnalazioniaffissioni@comune.roma.it). Ma dai comitati arriva la richiesta di affrontare il nodo della questione, rimasto inevaso in questo nuovo piano: conoscere nel dettaglio e una volta per tutte chi fa le affissioni a Roma, per evitare davvero le irregolarità. Così le associazioni hanno chiesto al Comune di istituire una bando internazionale per affidare la gestione degli impianti a poche società serie e garantite, che aiutino il Comune a rispettare le regole.

Il piano dovrà ora passare attraverso il parere dei municipi per poi tornare in commissione ed essere infine approvato. (5web)

È SUCCESSO OGGI...

Controlli di Ferragosto, salgono a 133 gli arresti dei carabinieri

Il Ferragosto è passato e i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stilano un primo bilancio dell’imponente dispositivo di controllo del territorio predisposto per il particolare periodo festivo. Sono stati, infatti, 133 gli arresti eseguiti...

Roma, carabinieri a caccia di “topi d’appartamento”

Proseguono con profitto i servizi rinforzati dei Carabinieri di Roma finalizzati a prevenire, e laddove necessario, reprimere eventuali fenomeni di illegalità diffusa. I militari, soprattutto nelle ore notturne, stanno attentamente vigilando anche sulle abitazioni dei...

Donna fatta a pezzi e gettata nei cassonetti a Roma, fermato il fratello

Si è appena concluso con il fermo da parte del fratello della vittima, il mistero delle due gambe ritrovate ieri sera all’interno di un cassonetto in Via Maresciallo Pilsudsky. Ieri, intorno alle 20, una ragazza...

Banconote false, arrestati due spacciatori di euro contraffatti

La coppia è stata fermata dai carabinieri di Ronciglione, in Via Tor Tre Teste a Roma, al termine di una complessa indagine. I fermati sono stati trovati in possesso di circa 4.000 euro di...

Miss Italia: le finali regionali agli Altipiani di Arcinazzo

La lunga maratona estiva della bellezza porta stavolta la carovana itinerante di Miss Italia sugli Altipiani di Arcinazzo, nell’alta valle del fiume Aniene, ai piedi dei monti Simbruini. Proprio dove termina la provincia di...