Rifiuti, quel piano che non va

0
122

 

Il piano dei rifiuti, approvato dalla giunta regionale, «non è sufficiente ad assicurare il rispetto degli obblighi di diritto dell'Unione Europea gravanti sull'Italia». A dirlo sono i radicali del gruppo consiliare Lista Bonino Pannella – Federalisti europei della Regione Lazio. Si tratta di un piano che «non consente di individuare i luoghi adatti allo smaltimento dei rifiuti, in particolare quelli pericolosi».

In una conferenza stampa sono stati illustrati i punti critici del piano rifiuti della Polverini. Presenti Giuseppe Rossovita, Rocco Berardo, Massimiliano Iervolino e il segretario dei Radicali italiani Mario Staderini. Il piano, secondo gli astanti, ne contiene due, entrambi sbagliati: il primo fissa come obiettivo al 2011 il raggiungimento del 60% di raccolta differenziata, il secondo nasce dall'ipotesi di avere negli anni una crescita inerziale sia di produzione dei rifiuti che di percentuale di raccolta differenziata.

L'uno è irrealizzabile, l'altro non in grado di individuare i luoghi adatti allo smaltimento dei rifiuti. Innanzitutto il livello di raccolta differenziata al 60% è puramente velleitario. Infatti, se le percentuali di riciclo nel 2008, riportate dal testo della Giunta, sono per tutta la regione del 15%, per Roma del 16%, per Frosinone del 6%, solo per citarne alcune, come si può pensare di raggiungere il livello del 60% nel 2011? Lo scenario di controllo invece prevede la costruzione di impianti di termovalorizzazione e di trattamento meccanico biologico entro il 2014, senza fare cenno a dove andranno a finire i rifiuti nel frattempo.

Uno scenario «appositamente lacunoso», dicono i radicali, visto che l'unica soluzione praticabile è quella di Malagrotta, discarica che viola le direttive europee. E ancora nel piano non si fa nessun riferimento alla problematica economica che impedisce ai comuni di ricorrere alla differenziata. Per quanto riguarda Roma poi, i radicali denunciano la politica di Alemanno che ha svenduto la salute dei cittadini, non occupandosi della differenziata che resta ferma al 20%. A tutto ciò i radicali contrappongono la loro proposta di legge, improntata alla visione del rifiuto come risorsa e alla responsabilizzazione del cittadino. Una pro- posta che prevede incentivi economici per ottenere il massimo del riuso dei rifiuti urbani.

 

Francesca D'Amico

È SUCCESSO OGGI...

Roma, ruba nell’appartamento “sbagliato”: nei guai 44enne

Dopo un lungo e faticoso lavoro per smurare una grata, un 44enne di origini moldave, si è reso conto di aver sbagliato appartamento. Il moldavo però non si è perso d’animo e, pur non...

Donna fatta a pezzi e gettata nei cassonetti a Roma, fermato il fratello

Si è appena concluso con il fermo da parte del fratello della vittima, il mistero delle due gambe ritrovate ieri sera all’interno di un cassonetto in Via Maresciallo Pilsudsky. Ieri, intorno alle 20, una ragazza...

Campidoglio, ok dalla Giunta al Piano Cimiteri 2017-2021

Un programma d’investimenti serio per valorizzare il patrimonio storico-artistico, monumentale e ambientale dei cimiteri capitolini, attraverso progetti e interventi di manutenzione straordinaria e di riqualificazione a breve, medio e lungo termine, con l’obiettivo di...

Welfare, Regione Lazio: 162 mln per nuova programmazione servizi

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera annuale di programmazione degli stanziamenti per il sistema regionale dei servizi sociali. Ammontano a 162,3 milioni le risorse complessivamente assegnate ai distretti socio-sanitari del Lazio per l'attuazione...

Voilà Festival a Feltre: al via alla rassegna di arte in strada, circo contemporaneo...

Tutto pronto per la 19° edizione di Voilà Festival, la rassegna che dal 18 al 20 agosto trasformerà il centro storico di Feltre nella capitale internazionale dell’arte in strada, circo contemporaneo e culture del...