Olimpiadi 2020, Pd fuori dal comitato promotore

0
39

La Consulta del Partito Democratico per le Olimpiadi 2020, riunitasi ieri, ha ribadito le sue perplessità sul metodo che si sta seguendo nell'organizzazione del comitato promotore ed è per questo motivo che ne è rimasta fuori.

Alla riunione hanno partecipato, si legge in una nota, la deputata Anna Paola Concia, responsabile dell'Area Pd per lo Sport, il segretario del Pd Roma, Marco Miccoli, esperti del settore come l'economista Cristiana Buscarini e il presidente della Fondazione Torino 2006 Olimpic Park, Pierpaolo Maza, ma anche amministratori locali come Paolo Masini e Pino Battaglia, i parlamentari Raffaele Ranucci e Michele Meta, dirigenti del Coni tra cui Cecilia D'Angelo, Carla Varese, Enrico Carbone e Sandro Camilli, e i presidenti di Uispe Csi Filippo Fossati e Massimo Achini.

«Questo gruppo di lavoro è nato per sostenere la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2020 spiega Anna Paola Concia e non è certo contro le Olimpiadi, ma il metodo che si sta seguendo nell'organizzazione del Comitato Promotore continua a vederci contrari, ed è per questa ragione che ne siamo fuori. Perchè è il metodo che si sta seguendo da parte del centrodestra che sta compromettendo la candidatura olimpica». «Noi non siamo interessati alle poltrone prosegue Concia al contrario, siamo perfettamente consapevoli che i nostri interlocutori sono la comunità cittadina e quella italiana evogliamo dire al presidentePescante che lavoreremoper portare avanti le nostre idee a partire da alcuni principi fondamentali che sono la sobrietà, la responsabilità e la trasparenza nella gestione».

«Il nostro punto di riferimento riguarda principalmente le ricadute sociali dell'avventura olimpica, con un grande obiettivo immediato: la pratica sportiva sul territorio – conclude – Il presidente Pescante ha costituito un Comitato per la compatibilità e la programmazione economica presieduto da Marco Fortis che dovrà valutare la fattibilità di questa candidatura dal punto di vista economico e poichè saranno i risultati del lavoro di questo Comitato a condizionare la possibilità di portare avanti la candidatura di Roma, in questo momento, come gruppo di lavoro del Pd, siamo interessati a confrontarci esclusivamente con questo interlocutore».