Polemiche e contestazioni per il 25 aprile

0
36

Non far prevalere la logica del cieco scontro politico era stato l’appello lanciato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso della cerimonia per il 66° anniversario della Liberazione dall'occupazione nazifascista, ma tensioni e polemiche hanno ugualmente caratterizzato le celebrazioni di ieri del 25 Aprile.

Il presidente della Repubblica, dopo aver reso omaggio al Milite Ignoto e a Mario Pucci, un giovane di 20 anni ucciso dai fascisti a Firenze il 13 giugno 1938, aveva messo in guardia dai pericoli di un dibattito politico che, in vista delle elezioni, sembra imprigionato in una logica di “cieco e acceso scontro”. Con Napolitano erano presenti il presidente del Senato, Renato Schifani, il ministro dell'Interno, Roberto Maroni e quello della Difesa, Ignazio La Russa, che, tuttavia, malgrado l’appello del presidente della Repubblica, è stato abbondantemente fischiato da un gruppo di persone all'inizio del suo intervento.

Non è andata meglio all'assessore ai beni culturali del Comune di Roma, Dino Gasperini, duramente contestato a Porta San Paolo, e aiutato poi dall’intervento dall’anziano comandante partigiano, Massimo Rendina: " Dino è un amico, ha fatto passare l'idea di un museo della Resistenza all'aperto e noi gli siamo grati".

Manifesti neofascisti erano apparsi inoltre alla vigilia per augurare provocatoriamente “25 Aprile…Buona Pasquetta !!!”, festa ritenuta evidentemente più degna rispetto a quella della Liberazione, ma le celebrazioni sono state macchiate anche da un altro brutto episodio: ieri mattina nel quartiere romano del Pigneto è apparsa la scritta “Work Will Make You Free”, identica a quella posta all’ingresso del lager di Auschwitz ma in lingua inglese.

L’insegna di pessimo gusto, frutto di lungo e accurato lavoro e rimossa nella tarda mattinata, ha provocato sdegno unanime:  "A Roma continuano purtroppo ad aumentare episodi di intolleranza e violenza, che vanno condannati con la massima fermezza" ha esortato il commissario del Pd Lazio, Vannino Chiti, mentre Angelo Bonelli, leader dei Verdi, ha evidenziato come in città "siano in crescita i gruppi neofascisti, che ha portato ad aumentare il clima di odio e di intolleranza". "È gravissimo che ci siano persone che si sono messe a fare una scritta antisemita in ferro battuto e ad inchiodarla contro un muro – ha commentato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno – è un fatto estremamente grave e mi auguro che gli inquirenti trovino subito i responsabili". Dello stesso avviso la governatrice della Regione Lazio, Renata Polverini, che ha duramente criticato l'episodio, considerato "un'offesa a quanti hanno vissuto l'orrore di Auschwitz, a chi in quel campo di sterminio ha perso la vita, a coloro i quali sono sopravvissuti portando con sé il ricordo doloroso di quella barbarie".

È SUCCESSO OGGI...

Premio Simpatia 2017: la rosa dello scultore Assen Peikov a Irene Grandi

La sua voce rocker è il simbolo di una generazione, coniugata al femminile, a cui piace parlar chiaro. Memorabile la partecipazione al Festival di Sanremo del 2000 dove presenta “La tua ragazza sempre”: canzone scritta per...
civitavecchia

Roma, applausi per i carabinieri che arrestano uno scippatore dopo un inseguimento

Lo scorso pomeriggio, i Carabinieri del Comando di Piazza Venezia hanno arrestato un cittadino egiziano di 20 anni, con precedenti, dopo aver tentato di scippare una collana ad una turista statunitense, di 61 anni,...
Virginia Raggi

Viabilità, Raggi: «Con strade nuove manutenzione 365 giorni all’anno»

Sull'operazione Strade nuove "i risultati in realtà sono continui. La manutenzione delle strade a cui non siamo abituati è un'attivita' continua. Da quando ci siamo insediati abbiamo avviato le gare per i lavori di...

Nonostante la crescita dell’immigrazione, calano i residenti nel Lazio

Cari razzisti, xenofobi e sovranisti, con l’immigrazione, almeno con quella regolare, tocca conviverci perché è una risorsa di questo Paese che invecchia. Lo dice indirettamente  il dodicesimo rapporto dell'Osservatorio romano delle migrazioni, realizzato dal...

Duemila presidi in piazza: a Roma la protesta dell’Anp

Oltre duemila in piazza provenienti da tutta Italia per quella che e' la prima vera mobilitazione dei dirigenti scolastici. Si sono ritrovati questa mattina a piazza San Cosimato a Roma per la manifestazione denominata...