Momenti di tensione al presidio dell\’Usb

0
54

Le forze dell’ordine «in assetto anti sommossa, stanno respingendo i manifestanti all'altezza di via Volturno, non lontano dalla stazione Termini dove i lavoratori si erano dati appuntamento». A denunciarlo, il sindacato Usb che stamattina ha indetto un presidio nazionale a cui sono accorsi da tutta Italia. L’assembramento è composto dai lavoratori ex Lsu-Ata della scuola ma l’incontro previsto col Ministero per oggi pomeriggio è stato rinviato, così chiedono ugualmente di essere ricevuti per discutere della vertenza.

I lavoratori protestano «contro l'accordo siglato la notte del 14 giugno scorso – si legge nella nota dell’Usb – tra il Miur, i Consorzi di imprese di pulizia e Cgil Cisl Uil, che prevede un netto taglio del lavoro per i 12.500 lavoratori impegnati da oltre 10 anni nelle scuole di tutta Italia, con 65 giorni di sospensione dalle attività lavorativa per il 2011, e per l'anno 2012 altri 85 giorni di sospensione lavorativa più la decurtazione di 4 ore settimanali dal monte ore per ogni lavoratore».