Braccia incrociate

0
22

Due cortei attraverseranno oggi la città per lo sciopero generale indetto dalla Cgil contro la manovra. Il primo della Cigil parte alle 9.30 da piazza dei Cinquecento e si concluderà all'Arco di Costantino alle 12.30 con l'intervento con l’intervento del segretario Cgil Susanna Camusso, passerà per via Cavour, piazza dell'Esquilino, via Liberiana, piazza di Santa Maria Maggiore, via Merulana, via Labicana, piazza del Colosseo, via Celio Vibenna via di San Gregorio fino all'Arco di Costantino.

L'altro, organizzato dall'Unione Sindacale di Base partirà alle 10 da largo Corrado Ricci e  arriverà a piazza Navona alle 14, passando per via dei Fori Imperiali, piazza Venezia, via San Marco, via delle Botteghe Oscure, largo di Torre Argentina, corso Vittorio Emanuele, via della Cuccagna. Si annuncia quindi una giornata difficile per i trasporti. Si fermeranno bus, tram, metrò dalle 9 alle 17. Ferme anche le ferrovie urbane Roma Lido, Termini Giardinetti e Roma Civita-Castellana Viterbo, le linee periferiche gestite da Roma Tpl e i servizi gestiti dall'Agenzia per la Mobilità. Coinvolto nello sciopero  il personale viaggiante e interno: addetti alla verifica dei titoli di viaggio, ai parcheggi, ausiliari del traffico e lavoratori delle biglietterie. Per quanto riguarda l'Agenzia Roma Servizi per la Mobilità, potranno esserci ripercussioni per lo sportello al pubblico di piazzale degli Archivi 40, il contact center, il numero verde persone con disabilità 800154451, il box informazioni di Termini e Fiumicino e il check-point bus turistici.

Esclusi  dallo sciopero portieri, guardiani, addetti ai centralini telefonici e ai servizi di sicurezza compresi quelli delle metropolitane. Per agevolare gli spostamenti saranno disattivati i varchi diurni in Centro storico e a Trastevere. Ieri mattina si è riunito in questura il tavolo tecnico  Il coordinamento dell'attività su strada sarà affidato al Centro della Gestione della Sicurezza dell'Evento, che come organo di regia, sarà attivato presso la Questura assicurando il monitoraggio delle diverse aree urbane interessate anche attraverso le telecamere cittadine.