Nuove discariche a San Vittorino e Riano

0
92

Confermate le indiscrezioni secondo le quali le due discariche provvisorie saranno situate a Via Zagarolo, zona San Vittorino nell’VIII Municipio e a Riano. Lo ha annunciato il prefetto Giuseppe Pecoraro nel corso di una conferenza in cui ha precisato che “è stata approvata un’apposita ordinanza che fissa a 36 mesi il periodo di utilizzo di questi siti, quindi rimane la possibilità di una mini proroga alla chiusura di Malagrotta, attualmente fissata al 31 dicembre 201”.

Nelle scelta delle nuove discariche, il prefetto ha effettuato una valutazione complessiva sulle caratteristiche di 7 siti proposti dalla Regione Lazio. Le due locatition a Fiumicino, tra cui Pizzo del Prete, sono state escluse per "eccessiva vicinanza all'ospedale pediatrico Bambin Gesu'". Pian dell'Olmo poteva accogliere una quantità di rifiuti (750mila tonnellate) "insufficiente alle esigenze di Roma". Escluso anche il sito di Monti dell'Ortaccio "dove l'Ispra ci aveva segnalato l' inquinamento della falda acquifera". Mentre il sito a Castel Romano e' stato considerato troppo vicino a un centro commerciale e ad un autodromo. 

La scelta finale è caduta su Quadro Alto a Riano e su San Vittorino a via Zagarolo anche per la loro capacità ad accogliere una quantità di rifiuti sufficiente ad assorbire le esigenze per i prossimi 3 anni: per l'esattezza 3,5 milioni di tonnellate che saranno ripartite per 1 milione a via Zagarolo e per 2,5 milioni a Quadro Alto. "Non e' stata una scelta facile – ha sottolineato Pecoraro – ma visto che l'Italia e' stata anche oggetto di un'infrazione europea e' stato necessario procedere con urgenza all'individuazione di siti alternativi a Malagrotta, in modo tale da procedere in tempi rapidi alla sua chiusura". Ora, gli obiettivi sono due: "Trattare il 'tal quale' attraverso due linee private e due linee dell'Ama e chiudere Malagrotta". Parallelamente, in base a quanto prevede il Piano rifiuti regionale, occorrerà predisporre un termovalorizzatore. I cittadini residenti nelle aree limitrofe alle nuove discariche, come e' stato spiegato in conferenza, avranno delle agevolazioni sulla tariffa rifiuti. Pecoraro ha infine fatto appello ai cittadini affinchè ci sia "senso di responsabilità" e si evitino dunque le proteste che hanno avuto luogo, ad esempio, a Napoli. In quel caso, "dovrò fare il prefetto", ha concluso.

Netta la bocciatura da parte dell’opposizione con il Presidente del limitrofo municipio VII, Roberto Mastrantonio. “"Le giunte Alemanno e Polverini compiono un nuovo attacco alla dignità delle periferie – dichiara in una nota – la possibilità ventilata in queste ore di spostare il flusso dei rifiuti, in passato diretti a Malagrotta, nei territori compresi tra San Vittorino e Corcolle affanna un territorio già fortemente sotto pressione. Il problema – conclude – non riguarda soltanto i territori del Municipio VIII che saranno destinati alla futura discarica, ma anche il corridoio della Prenestina attraverso il quale passerà il carico di scarti e rifiuti con pesantissime ripercussioni su una viabilità già fortemente congestionata".