Colosseo, a primavera partiranno i lavori. Critico il Codacons

0
26

Prenderanno il via in primavera i lavori al Colosseo per il progetto di restauro sponsorizzato da Della Valle. Lo ha reso noto il sottosegretario ai beni culturali, Francesco Giro, durante un visita al monumento insieme a un gruppo di anziani. “In seguito al bando internazionale sono arrivate circa 43 proposte per il centro servizi esterno al Colosseo e circa 47 per gli interventi sulle facciate nord e sud del monumento – continua Giro – Stiamo ora valutando le proposte e a primavera partiranno i lavori”.

Critico il Codacons che con una nota ha fatto sapere di aver “depositato un ricorso al Tar del Lazio contro l'affidamento dei lavori di restauro relativi al Colosseo al gruppo industriale guidato dal dott. Diego della Valle”. “La sponsorizzazione impugnata rappresenta un illegittimo sconfinamento nell'esercizio dei propri poteri da parte del Commissario Delegato – ha spiegato il Codacons – che di fatto ha consegnato” le chiavi “del monumento al gruppo Tod's, alterando la libera concorrenza tra operatori del settore, a danno di un patrimonio dell'umanità. Il contratto prevederebbe l'erogazione da parte del gruppo Tod's s.p.a. di complessivi 25 milioni di euro per la realizzazione” degli interventi urgenti nelle aree archeologiche di Roma e Ostia Antica “così come elaborato d'intesa con la Soprintendenza e denominato” piano di interventi per l'anfiteatro Flavio,” ma risulta in realtà atto unilaterale del Commissario delegato che ha manifestato la volontà di procedere a individuazione di uno o più sponsor ben eccedendo i poteri conferitigli. Non è dato sapere quali sono le altre offerte di sponsorizzazione pervenute e ritenute non idonee”.

“Il Colosseo rischia di divenire bene privato senza aver valutato altre offerte, magari economicamente più vantaggiose – ha affermato il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo abbiamo chiesto al Tar di sospendere la sponsorizzazione e di fare chiarezza sulla gestione dell'intera operazione, che allo stato sembra portare vantaggi unicamente all'imprenditore Diego Della Valle e alle sue aziende”.