Alemanno: «A febbraio la Metro B1 aprirà ai cittadini»

0
54

Sopralluogo sul cantiere della metro B1, ieri mattina, per il sindaco Gianni Alemanno e per il presidente della Camera Gianfranco Fini che, nel tour, sono stati accompagnati dai vertici di Roma metropolitane e dall'assessore capitolino alla Mobilità, Antonello Aurigemma.

«A febbraio, se il ministero delle Infrastrutture ci darà l'ok, la linea metro B1 sarà aperta ai cittadini», ha ribadito Alemanno visitando le stazioni di Gondar e piazza Annibaliano, dove si stanno ultimando le procedure di rifinitura. La linea B1 ha un tracciato di 5 chilometri e si articola in 4 stazioni: Annibaliano, Libia, Conca d'Oro, Jonio. Il costo totale dell'infrastruttura è di 733 milioni di euro finanziati da Roma capitale (494 milioni) e dallo Stato (239). La tratta Bologna-Conca d'Oro sarà ultimata a fine anno e, dopo i collaudi, entrerà in funzione a febbraio 2012.

La tratta successiva, fino a Jonio, sarà invece completata a fine 2012. È allo studio la progettazione del prolungamento della linea metro da Jonio a Bufalotta, mentre il progetto di questa metro risale al 2005. La terza carica dello Stato, raggiunta al cantiere dal sindaco di Roma Gianni Alemanno, è stata accolta alla Stazione Annibaliano da dipendenti e maestranze. Fini e Alemanno, indossando i caschi di protezione e i giubbetti catarifrangenti, sono poi scesi a livello dei binari, a 40 metri di profondità, e sono saliti a bordo del trenino di servizio che ha percorso un tratto della linea, fino alla fermata Libia.