Alemanno: “rischio mafia a Roma”

0
43

A Roma ci sarebbe un rischio mafia a causa di un “contatto tra le bande territoriali e la grande criminalità organizzata, che ha già comprato pezzi di economia romana e che si é limitata finora a investire. Questo significherebbe l'arrivo a Roma della grande criminalità di stampo mafioso". A lanciare l’allarme, il sindaco di Roma, Gianni Alemanno al termine dell’incontro con il neo ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, sul tema della sicurezza a Roma dopo i recenti agguati e in particolare il duplice agguato di Ostia.

“Ci sono segnali sulla presenza del pizzo – ha aggiunto Alemanno – in alcune zone di Roma, ma non ci sono denunce specifiche. Bisogna perciò capire se c'è un rischio reale di racket a Roma".

Dalla sue parole traspare ottimismo, "Ho trovato un ministro molto attento e sollecito. Mi ha detto: 'Il mio cuore romano batte forte. Ha promesso più uomini, più mezzi delle forze dell'ordine e maggiore controllo del territorio ".
A conclusione, Alemanno annuncia la firma "entro dieci giorni dovrebbe esserci la firma del terzo Patto per Roma Sicura, opportunamente rivisto" alla luce degli ultimi episodi di violenza a Roma.

Critica l’opposizione tramite Marco Miccoli, segretario romano del Pd. “Oggi anche il sindaco Alemanno si accorge che Roma negli ultimi anni è diventata territorio di ogni tipo di mafia. Era ora – scrive in una nota – da almeno tre anni denunciavamo il fenomeno. Alemanno, però, per evitare di mettere in cattiva luce il Governo Berlusconi e il ministro leghista Maroni, fino ad oggi aveva sempre minimizzato la questione. Solo adesso, con un nuovo governo, si è messo a far baccano. Alemanno ha una grande responsabilità: se avesse denunciato con forza le infiltrazioni mafiose da subito – fregandosene degli equilibri interni del governo Berlusconi e della sua carriera nazionale – ora sicuramente questo fenomeno sarebbe stato già combattuto. Invece il sindaco ha preferito tacere e mentire per anni ai romani. E questi sono i risultati: la Capitale d'Italia è la città con il record italiano di omicidi”.