Sanità :Arrivano 350 nuovi defibrillatori

0
21

 

Saranno circa 350 i nuovi defibrillatori automatici esterni (Dae) acquistati dalla Regione Lazio e distribuiti su tutto il territorio regionale. Lo prevede il Programma regionale approvato dalla Giunta. Si sbloccano così  4 milioni di euro per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici ed automatici esterni sul territorio nazionale. I Dae saranno presenti nei luoghi più frequentati, come aeroporti, stazioni, centri commerciali, oltre che sui mezzi di soccorso e di pronto intervento. Alle apparecchiature si accompagnerà la formazione per le manovre rianimazione cardio polmonare l’uso dei defibrillatori del personale che si trova stabilmente all’interno dei luoghi e delle strutture selezionate. Il progetto prevede inoltre attività di informa-zione e sensibilizzazione dei cittadini sul tema.  Tra i punti fissi individuati per posizionare i Dae, i porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, le stazioni della Metropolitana di Roma, le sedi istituzionali della Giunta regionale e del Consiglio regionale del Lazio, i più grandi centri commerciali, l’Auditorium Parco della Musica di Roma. A questi si aggiungono i punti mobili, come i mezzi di intervento delle istituzioni pubbliche (quali le forze dell’ordine, o quelli utilizzati per le emergenze sanitarie e di protezione civile) o di enti privati come le associazioni di volontariato. I mezzi di soccorso dell’Ares 118 sono già dotati di defibrillatore, ma si procederà comunque ad una ricognizione del proprio database e si definiranno i programmi di formazione ed aggiornamento del per-sonale. Si tratta di circa mille operatori, considerato che devono essere 3 gli esecutori certificati per ogni defibrillatore assegnato. La Regione Lazio, infine, atti-verà un tavolo tecnico con l’Ares 118, l’Agenzia Lazio sanità e Lait che seguirà le varie fasi di attuazione del progetto, apportando, con il contributo di enti pubblicio provati coinvolti nell’iniziativa, le eventuali modifiche che dovessero rendersi necessarie.