Sicurezza, un quadro sempre più sconfortante

0
26

Sicurezza percepita e dati oggettivi: è questo il corno del dilemma per Alemanno, tanto più che se nella percezione della sicurezza dei residenti Roma è ultima in Italia fra le provincie censite dal 22° rapporto sulla qualità della vita, pubblicato ieri dal Sole 24ore, e i dati oggettivi la pongono comunque al 69° posto (che non è certo un dato di cui rallegrarsi). Così il grido d'allarme del popolo, sommato ai freddi numeri, restituisce un quadro ancora più sconfortante. I romani hanno paura e non sono soddisfatti del livello di sicurezza offerto dalla loro città. Più di un cittadino su quattro, come riporta il Sole 24ore, è convinto che la sicurezza e l'ordine pubblico a Roma siano problemi seri di questa città. Certo la fredda statistica sulla qualità della vita pone la Capitale in miglioramento e nella classifica generale Roma si posiziona complessivamente al 23° posto.

Ma anche con questi numeri “ufficiali” questa giunta saprà convincere i romani (che dicono il contrario) che dopo 31 omicidi violenti in un anno (l'ultimo quello di Ostia alla fine di novembre) Roma è una città "più sicura"? Ieri assessori e consiglieri comunali hanno fatto a gara nel complimentarsi fra loro per il posizionamento di Roma nella classifica generale e lo stesso Alemanno ha parlato di premio per «l’impegno della nostra Amministrazione per garantire una città più accogliente e vivibile per tutti». A guardare la violenza e gli omicidi nei più diversi quartieri della città eterna non saremmo così sicuri dell'efficacia di questo impegno. E poi, leggendo più a fondo nello studio del Sole 24ore, scopriamo una Roma in cui c'è ancora molto da fare per sentirsi davvero sicuri: prima di tutto sul fronte dei furti d'auto, che la vedono al 104esimo posto su 107 province esaminate, e poi sulla microcriminalità, con scippi, rapine e borseggi che trovano Roma 101esima. E così, al di là delle polemiche sterili e dei proclami trionfalistici della politica, le opinioni della "gente" che ha paura tornano a significare qualcosa di importante per chi deve amministrare una città. E se ieri anche il Sole 24Ore dedicava un titolo alla preoccupazione dei romani per l’ordine pubblico, forse è il caso di ascoltarli un po' di più.

Francesco Unali