Provincia, al via tre giorni stati generali welfare

0
30

Sono iniziati gli “Stati generali del Welfare della Provincia di Roma” e andranno avanti fino a mercoledì al Parco regionale dell’Appia Antica. Protagonisti gli operatori del welfare sul territorio provinciale di Roma quali: sindaci, presidenti di Municipio, assessori e consiglieri dei vari livelli istituzionali, oltre 100 associazioni, responsabili e operatori del terzo settore e dei servizi sociali e sanitari, ordini professionali, sindacati e forze sociali. Alla sessione mattutina di oggi hanno partecipato il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, il presidente del Consiglio provinciale di Roma, Giuseppina Maturani, l'assessore provinciale alle Politiche sociali, Claudio Cecchini, Andrea Brandolini, del Servizio studi della Banca d'Italia ed il docente di sociologia dell'Università La Sapienza, Giovanni Sgritta. 

"Gli Stati generali del Welfare – ha spiegato Zingaretti – non sono solo un convegno, sono un appuntamento di lavoro di un'istituzione che crede sia giunto il tempo di reagire e di costruire qualcosa di nuovo e che ha chiamato a raccolta diverse realtà, pensando a tutti". Per Zingaretti "i problemi attuali sono che l'Italia non cresce più, ed è per questo che serve un progetto per un nuovo modello di sviluppo. La democrazia italiana è in crisi per tanti motivi, ma la radice sta nell'incapacità dello Stato di rispondere ai bisogni dei cittadini. Ci sono due grandi priorità: la prima è la mappa sociale, che è cambiata: serve una riforma del welfare che includa le parti della società che ora ne sono escluse. Il secondo tema è quello della collocazione urbana del modello di welfare, con l'allocazione delle risorse anche nelle aree periferiche. Tutto questo – ha concluso – va fatto all'interno di valori chiari, come non fare nessun passo indietro davanti alla crisi e costruire un modello di welfare tra la classe politica e tutti gli attori interessati". Sulla stessa lunghezza d'onda l'assessore Claudio Cecchini, per cui gli Stati generali del Welfare sono "un grande coinvolgimento degli amministratori del territorio, delle forze sociali, del mondo del terzo settore per mettere in campo iniziative e proposte per rilanciare il modello di welfare. Viviamo un momento di grande difficoltà, in cui aumentano i bisogni sul territorio e diminuiscono le risorse disponibili. Dobbiamo resistere – ha aggiunto – e rilanciare un modello di welfare in grado di dare risposte ai nuovi bisogni, presidiando le situazioni di emarginazione e di difficoltà".