Welfare, Zingaretti: Stati generali guida per nuovo modello società

0
38

Si sono chiusi al Parco regionale dell'Appia Antica gli "Stati generali del Welfare", organizzati dalla Provincia di Roma. Alla giornata conclusiva, in cui si è parlato anche del tema dell'immigrazione, erano presenti, tra gli altri, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, il direttore della Caritas di Roma, Enrico Feroci, ed il direttore del Consiglio Italiano Rifugiati, Christopher Hein. "Innanzitutto – ha esordito Feroci – ringrazio Nicola Zingaretti e Claudio Cecchini, che ieri sera hanno partecipato alla nostra cena nel centro Caritas di via Casilina, e hanno parlato con ospiti provenienti da tutto il mondo. Non bisogna parlare per pregiudizi, sennò c'è il rischio che avvengano fatti come quelli di Torino e Firenze. Quando incontriamo persone provenieni da altri Paesi, dobbiamo ascoltare le loro storie e cercare di dare delle giuste risposte alle loro situazioni".

Ha preso poi la parola il direttore del Consiglio Italiano Rifugiati, Christopher Hein: "La politica del welfare deve rispondere e mettere gli immigrati, specie i rifugiati, in condizioni di pari opportunità per l'accesso alla casa, al lavoro e ai servizi. Le istituzioni devono promuovere una concertazione che includa la pubblica sicurezza, la questura, la prefettura e gli altri enti per affrontare situazioni come, ad esempio, quella della stazione Termini, in cui ci sono 70 persone richiedenti asilo".

Infine, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti: "Stiamo in una fase in cui si sta passando dalla fase della paura a quella della rabbia, che va letta ed interpretata. Non dobbiamo però chinare la testa, dobbiamo essere più intelligenti e forti nella proposta. La via d'uscita – ha aggiunto Zingaretti – è un modello umano fondato su valori diversi. Nello scontro tra i diritti e i giudizi consolidati, i diritti, se non sono organizzati, perdono sempre nella storia dell'uomo. Gli Stati generali del Welfare – ha concluso – devono quindi diventare la guida per costruire un modello di società unita che declini le politiche economiche e sociali".