Montecitorio, presidio vigili del fuoco precari

0
29

È in corso il presidio dei Vigili del Fuoco precari dalle 10 di questa mattina in piazza di Montecitorio dando il via al “No Monti Day”, giornata di mobilitazione contro il Governo e la sua manovra. L’iniziativa è organizzata dall’Unione Sindacale di Base (Usb), con manifestazioni, presidi, flash mob in tutti i principali capoluoghi. Lo annuncia in una nota lo stesso sindcato.

La manovra comporta per i VVF una “riduzione in 13 mesi del 75% del totale fondo per i richiami del personale precario, il sabotaggio, attraverso una specifica modifica del D.Lgs. 139/2006, delle migliaia di cause contro il 'collegato lavoro' che stanno trovando accoglimento nei tribunali di tutto il Paese; la trasformazione del Corpo Nazionale da base professionista a base volontaria – si legge nel comunicato – Se tali provvedimenti verranno approvati, dal prossimo primo gennaio ci saranno oltre 20.000 nuovi disoccupati senza nessun tipo di ammortizzatore sociale. USB condanna questo tentativo di risolvere la partita del precariato cancellando i precari e continuerà a mantenere alta la mobilitazione di tutti i lavoratori contro una manovra iniqua e dettata dai poteri forti. A Roma il 'No Monti Day' prosegue con la protesta dei lavoratori dell’INPDAP, che dalle 11.00 manifesteranno sotto il Ministero del Lavoro in via Veneto contro la cancellazione di 700 posti di lavoro determinata dalla soppressione dell’Ente. Flash mob a sorpresa sono inoltre previsti nel corso di tutta la giornata odierna".