Alitalia, cassintegrati in protesta davanti alla Pisana

0
91

Circa duecento manifestanti hanno manifestato oggi davanti la sede del Consiglio regionale sulle questioni del trasporto pubblico locale. Tra loro, esponenti di Pd, Verdi, del circolo del Pd dell'Atac, Usb, Sel, Idv, Comitato cassintegrati Alitalia, Filt Cgil, il circolo Pd trasporto aereo “Cesare Maiello”.

“La Polverini trova i soldi per i vitalizi, ma non per i cassintegrati”, e ancora “895 piloti buttati nel ce…”, questi alcuni degli striscioni esposti. “La Polverini sembra che non ci consideri assolutamente come dei lavoratori con dei diritti esattamente, e anche la Provincia in realtà subisce le decisioni della governatrice – ha sottolineato Pino Briotti, capo cabina di Alitalia in cassintegrazione – Dopo aver detto a noi che non ci sono soldi per i corsi di riqualificazione professionale per persone che a 50 anni sono fuori dal mondo del lavoro, ecco anche l'ultima concessione ai suoi assessori esterni e non votati”. “In Alitalia, tra personale di terra e di volo, ci sono 4.600 cassintegrati, e ora sembra ci siano problemi anche allo smistamento – ha aggiunto – Alla fine pagano sempre e soltanto i lavoratori, mentre i veri responsabili, gli amministratori delegati che hanno preso un'Alitalia pulita e non riescono a risollevarla, se la cavano sempre”.

«Oltre 1000 lavoratori in cassintegrazione dall'inizio dell'anno ma la mobilità non può essere lo strumento ordinario per gestire le Aziende in crisi. Per questo motivo stamattina si è svolta la manifestazione dei lavoratori dell'Alitalia davanti alla Regione Lazio, per chiedere un intervento a sostegno di chi ha perso o rischia di perdere l'occupazione e vive di ammortizzatori sociali», lo hanno dichiarato in una nota Stefania Giusti, responsabile mobilità del PD Roma, e Vincenzo Pasculli, coordinatore del circolo PD Trasporto aereo. “La Regione Lazio – hanno spiegato – , di concerto col Governo, deve avviare immediatamente un piano strategico e integrato per il trasporto aereo, che parta dalla concreta realizzazione dell'hub a Fiumicino e dallo sviluppo delle infrastrutture esistenti. L'utilizzo efficiente di tutti i terminal esistenti e la realizzazione del molo C, per decongestionare il T3, insieme allo sviluppo del Polo manutentivo renderebbe più competitivo l'aereoporto Da Vinci in pochi anni e garantirebbe migliori livelli occupazionali”. “Il settore del trasporto aereo – hanno concluso Giusti e Pasculli -vive oggi una profonda crisi di ristrutturazione, ma i lavoratori e i passeggeri non possono essere lasciati soli a pagarne le conseguenze. C'è bisogno di interventi rapidi ed efficaci che la Regione può mettere in campo e dare così un segnale di attenzione e rispetto nei confronti degli oltre 6000 lavoratori cassintegrati della Regione Lazio nel settore aeroportuale”.

È SUCCESSO OGGI...

Al Bioparco fine settimana dedicato agli oranghi

In occasione la Giornata mondiale dell’orango, sabato 19 e domenica 20 Agosto al Bioparco si svolgeranno due giornate dedicate a questi affascinanti ed intelligentissime scimmie antropomorfe. Presso l’area degli oranghi, dalle ore 11.00 alle 14.00...

Montanari: «Per tutto agosto pulizia grandi arterie stradali di Roma»

“Continuano per tutto il mese le operazioni di pulizia delle grandi arterie della Capitale iniziate lo scorso 6 agosto sulla via Laurentina. Fino a domani gli operatori di AMA lavoreranno su via Aurelia, poi...

A Passoscuro tre giorni tra musica, balli, cinema e artigianato

“L’estate sta finendo…” è il titolo della tre giorni di eventi che si terrà in Piazza Santarelli a Passoscuro venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 agosto, all’interno della cornice di “Fiumicino Estate”, la...

Molesta la ex con messaggi e telefonate: sequestrato un arsenale

È finito con la denuncia a piede libero per atti persecutori del suo aguzzino e con il sequestro di 2 fucili, 2 pistole e una balestra completa di frecce, l’incubo di una barista romana,...

“Rajche”, Subiaco svela le sue radici più profonde in tre giorni di festa

La città dei monasteri è pronta a svelare le sue radici più profonde. O meglio le “rajche”, come si dice nel dialetto di Subiaco, che traggono la linfa vitale da tradizioni, musiche, artigianato e...