Sicurezza: oltre 60% italiani teme furti in casa durante le feste

0
17

Circa il 60% degli italiani teme di subire un furto in casa e il timore aumenta in coincidenza con le feste di fine anno, quando molti lasciano l'abitazione anche per pochi giorni per andare in vacanza. Secondo i dati dell'indagine Istat sulla sicurezza dei cittadini, elaborati dall'Osservatorio ASSIV ( l'associazione nazionale di categoria delle imprese di vigilanza privata, aderente a Confindustria) sulla sicurezza sussidiaria e complementare, gli italiani che temono di subire un furto in casa sono il 59,3%, fra questi il 36,5% si dice abbastanza preoccupato e il 22,8% molto preoccupato. A livello regionale i piu' preoccupati di subire furti in casa sono gli abitanti della Puglia (64,7%), seguiti dal Lazio (63%) dall'Umbria (62,7%)e dalla Campania (61,3%), mentre piu' sicuri di tutti si sentono gli abitanti della provincia di Bolzano, fra i quali il 37% si dice per nulla preoccupato di subire furti in casa e il 31,9% poco preoccupato. Fra le strategie messe in atto per difendere la propria abitazione, aumenta il ricorso alla vigilanza privata mediante sistema d'allarme collegato con una centrale operativa: il 4,7% contro il 4,1% della precedente indagine del 2002. E sono Puglia e Toscana, le regioni dove si trova il maggior numero di famiglie, sei su cento, che hanno collegato la propria abitazione a una centrale operativa della vigilanza privata. Dopo la Puglia e la Toscana, seguono nell'ordine, il Veneto, il Piemonte e la Lombardia. Le regioni con minori famiglie collegate alla vigilanza privata sono invece la Sardegna (2,4%) e la Calabria (2,9%). Quanto agli ambiti territoriali, sono le famiglie che risiedono in comuni da 2.001 a 10.000 abitanti ad avere piu' collegamenti alla vigilanza privata (5,6%), seguite dalle famiglie residenti in comuni da 10.001 a 50.000 abitanti (5,3%), i meno collegati alla vigilanza privata sono le famiglie residenti in comune centro dell'area metropolitana (3%).