Azzardopoli, Nanni (Pd): serve regolamento per stroncare il racket

0
21

''Il grido d'allarme lanciato oggi dall'associazione Libera non va fatto cadere nel nulla ma va preso molto seriamente. Nella Capitale c'è libertà assoluta di aprire una sala giochi o di ospitare 'slot machine' spesso dietro intimidazioni. Attività che spesso nascondono veri e propri racket. È sufficiente avere la fedina penale a posto e rispettare le norme valide per qualsiasi locale. Come dimostra anche la vicenda del cinema Palazzo a San Lorenzo. Ad autorizzare l'apertura è il sindaco e chiunque può fare domanda”. È quanto dichiarato dal consigliere del Pd Capitolino, Dario Nanni, membro della commissione sicurezza del Comune di Roma.

“Come denuncia Libera tra i fattori che alimentano il crescere della criminalità e della violenza nella nostra città c'è anche il gioco d'azzardo – ha proseguito il consigliere Pd – Purtroppo è sempre più frequente il proliferare nelle periferie di questo tipo di attività che sembrano non conoscere crisi. Per mettere un freno a quella che si presenta spesso come una attività di copertura della criminalità organizzata e una vera piaga sociale per chi cade nel vortice patologico del gioco d'azzardo c'è bisogno di nuove regole da approvare con urgenza”.

“Mi farò promotore presso il Consiglio Comunale – ha concluso Nanni – di una proposta specifica di nuovo regolamento. Tantissimi comuni in Italia hanno scritto nuovi regolamenti fissando distanze e numeri a Roma invece siamo ancora alla deregulation”.