SCOOP di Cinque – Metro, collaudi sospetti: la Procura indaga

0
36

La Procura di Roma sta indagando sul caso, portato alla luce lo scorso 27 ottobre da "Cinque Giorni", della sperimentazione che allora definimmo «sospetta » delle "boe train stop" (apparecchi legati alla sicurezza) sulla metro B della capitale, avvenuta alla stazione Garbatella mentre il servizio della linea era attivo e soprattutto, stando alle informazioni in possesso di Cinque, senza l'autorizzazione del ministero dei Trasporti che pure la normativa attualmente in vigore richiede.

Una vicenda tanto delicata sotto il profilo burocratico quanto gravida di rischi in materia di sicurezza pubblica che sollevò le perplessità di alcuni consiglieri comunali di opposizione e costrinse il Campidoglio a intervenire direttamente, nel giro di poche ore, con un comunicato dell'assessore alla mobilità Antonello Aurigemma nel quale si garantiva che «personale Atac è stato presente per tutto l'arco della sperimentazione al fine, in caso di eventuali anomalie, di ripristinare immediatamente la situazione precedente», ma che non faceva cenno alla mancata autorizzazione del ministero dei Trasporti. Una risposta, quella di Aurigemma, che ci parve sin da subito insufficiente e che non convinse neppure il Codacons, che decise di presentare un esposto in procura al fine di fare chiarezza e sapere «se la sperimentazione si sia svolta nel rispetto delle leggi vigenti, e se vi siano stati potenziali pericoli per gli utenti» precisò il vicepresidente dell'associazione Giovanni Pignoloni, secondo cui «test di tale portata andrebbero eseguiti quando il servizio non è attivo, al fine di garantire al massimo al sicurezza di lavoratori e passeggeri».

La questione è ora al vaglio della procura, che due settimane fa ha chiesto ad Atac innanzitutto se dal 18 al 21 ottobre 2011 sono stati effettuati test di collaudo di "boe train stop" sulla linea B, in secondo luogo se per tali test sia stato preventivamente informato il ministero dei Trasporti e infine le modalità cui sui i test hanno avuto luogo. Un primo passo, speriamo, verso la soluzione di un mistero del quale i cittadini dovrebbero essere informati.

chp