Metro B1: tagli ai bus, non agli sprechi

0
164

La linea B1 è il cavallo di battaglia dell’assessore Aurigemma, forse perché a usufruirne saranno in gran parte i cittadini del suo feudo elettorale, più probabilmente perché sarà l’unica grande opera completata durante il suo mandato.

Ormai si sta perdendo il conto degli eventi pubblici legati a quella linea. Questa mattina Aurigemma andrà insieme ad Alemanno ad assistere alla caduta dell’ultimo diaframma sulla galleria alla stazione Ionio. La settimana scorsa invece Aurigemma è intervenuto in un’assemblea pubblica nel IV Municipio, durante la quale ha trionfalmente annunciato che l’apertura della linea permetterà la cancellazione di 2 milioni di chilometri di corse di autobus.

Proprio così, cancellazione. La pianificazione del servizio fatta dall’Agenzia della Mobilità su indirizzo dell’assessorato di Aurigemma (Atac è mera esecutrice delle decisioni sulla pianificazione) prevede che i chilometri disponibili non vengano utilizzati per offrire un servizio decente nelle zone più periferiche della città, ma che vengano semplicemente cestinati. Ma la danza dei ‘tagli’ è già iniziata. Infatti il 24 gennaio scorso la Direzione Superficie ha comunicato alle rimesse da cui partono gli autobus della linea 49 il nuovo orario, con sole 13 vetture «a causa della riduzione del programma di esercizio prevista per il 2012». Quanto è ampio il taglio al servizio non è dato sapere. In Atac tutti tengono la bocca cucita, limitandosi a esprimere timore per la ricaduta sull’immagine dell’azienda delle scelte dell’amministrazione. Una cosa però è certa: non si era ancora mai visto un tentativo di salvare un’azienda in difficoltà tagliando in primo luogo i servizi all’utenza, invece che gli sprechi.

Nella Roma di Alemanno succede anche questo. Del resto, nei giorni scorsi Alemanno ha dichiarato che non gli risultava che all’amministrazione fosse pervenuto nessun dossier sul Project Financing della Linea C, salvo poi essere pubblicamente smentito da Aurigemma, che ha confermato l’esistenza del dossier di cui Alemanno ignorava l’esistenza. Tutto questo porta a porsi una domanda: quanto può reggere una città come Roma con un sindaco che ignora cosa succede fuori dalla porta del suo studio, al punto tale da essere smentito dai suoi stessi assessori, che evidentemente non lo informano?

Valerio Fiorentino

È SUCCESSO OGGI...

Movida e sicurezza, sanzionati 42 buttafuori a Roma

I carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno avviato un monitoraggio delle persone addette ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi,...

Roma, truffava clienti con false polizze assicurative

Ex consulente finanziario truffava i clienti stipulando false polizze assicurative e intascando i soldi. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno eseguito il sequestro di beni immobili, per un...
Sergio Pirozzi

Sergio Pirozzi ringrazia la Meloni ma critica le divisioni nel centro destra

Eccolo il Pirozzi Sergio sindaco di Amatrice e del ‘fare’ che si presenta ad Atreju, la festa dei giovani della Meloni. E qui, dice «vi mando un messaggio: io sto qui da sindaco di...

Il vento sta cambiando e spinge alla deriva i 5stelle

Parafrasando il video ormai virale dove si vede la Raggi che in campagna elettorale dichiarava giuliva “il vento sta cambiando” mentre Roma affoga sotto un recente normalissimo acquazzone,il vento sta cambiando questa volta per...

Le promesse (mancate) dei Grillini paralizzano la Salaria

Roma, 22 settembre, la mobilità è insolitamente paralizzata nl quadrante nord della città e non se capisce il motivo. La Via Salaria, solitamente congestionata, ha raggiunto livelli di paralisi totale. Ma stavolta non è semplice...