Roma-Lido, sit-in di Pd, Idv e Sel in piazza del Campidoglio

0
39

Presidio in piazza del Campidoglio per denunciare le "condizioni disastrose" in cui si trovano a viaggiare quotidianamente i pendolari della Roma-Lido. A organizzare il sit-in, a pochi giorni dalla disavventura dei viaggiatori bloccati nei pressi della stazione Magliana, esponenti del Pd capitolino e del municipio XIII, dell'Idv e del Sel.

"Quotidianamente studenti e lavoratori partono da casa e non sanno quando arriveranno a Roma" dice il capogruppo del Pd, Marco Miccoli. I circa 30 manifestanti denunciano le "frequenti interruzioni della linea tra maltempo, guasti e sovraffollamento" a cui si aggiungono le "vertenze sindacali". "E' una situazione insostenibile – aggiunge Miccoli – Chiediamo che il Consiglio si occupi della cosa. La linea é linea obsoleta". In piazza poche decine di persone. "Chiediamo che la Roma-Lido torni ad avere standard da metropolitana – dice Giuseppe Sesa, consigliere municipale del Pd – ossia un treno ogni 7 minuti negli orari di punta, come accadeva 4 anni fa, partenza intermedia da Acilia alle 8 del mattino e investimenti su carrozze, personale e riaffidamento della manutenzione dei treni ad Atac".

Critico anche il consigliere comunale del Pd Massimiliano Valeriani che ha sottolineato: "La Roma-Lido è l'esempio piú evidente del dissesto del trasporto pubblico a Roma: serve a portare 'prigionieri' dalla periferia alla cittá. Dovrebbe avere, per contratto di servizio, 11 treni al giorno e invece ne ha 6 o 7, con picchi di 4. I cittadini di Ostia, Acilia e Dragona escono la mattina senza sapere a cosa vanno incontro. Il 2011si é chiuso con oltre 2mila corse saltate e l'Amministrazione Alemanno non fa niente". Una delegazione di manifestanti é salita in Campidoglio dove è in corso una riunione dell'Assemblea capitolina.