Consegnate le case della giunta Veltroni

0
21

C'erano proprio tutti, il sindaco Alemanno la bella vicesindaco Belviso, la neo assessore Funari e  delegato del sindaco per l’emergenza abitativa e il Berruti, per la consegna dei 94 alloggi di edilizia residenziale, in uno stabile che al piano terra ha anche una casa famiglia e un presidio della Croce Rossa Italiana, a Lunghezza-Ponte di Nona, nell'VIII Municipio. Vi risparmiamo le entusiastiche dichiarazioni e la descrizione del manifesto iperattivismo della bella Sveva che si sente sulla cresta dell'onda dopo le voci circolate nei giorni scorsi di una sua eventuale candidatura al seggio più altro del Campidoglio e per dovere di cronaca ricordiamo che la delibera di acquisto dell'immobile risale al 4 agosto dell'anno scorso mentre il rogito fu sottoscritto solo nel novembre successivo . Sempre per dovere di cronaca va detto che si tratta di un esperimento, unico in Italia, di alloggi a edilizia residenziale (Erp) destinati ad abitazioni per anziani. Ogni stanza dei singoli appartamenti infatti e' dotata di un videocitofono collegato direttamente con la Casa famiglia che si trova al piano terra dello stabile adatta ad ospitare 6 persone non autosufficienti, oltre che, in caso di necessita', a garantire una prima assistenza sanitaria grazie al presidio della Croce Rossa. "E' il primo modello in Italia di integrazione tra politiche abitative e politiche sociali. – ha spiegato la Belviso – Abbiamo persone totalmente autonome che probabilmente non avranno mai bisogno di intervento ma se ci fosse bisogno sarà immediato". Lo stabile e', inoltre, dotato di una palestra che, come ha detto il vicesindaco "e' a disposizione per la terapia motoria per la Casa famiglia e poi verra' gestita sempre con un presidio sociale per mantenere le funzionalità degli anziani che saranno seguiti da un tecnico sportivo." Il fabbricato è di 6.986 metri quadrati di superficie, su quattro piani più uno interrato, inoltre 10 appartamenti dispongono di letti doppi destinati a disabili. Costo dell'opera onte 21.000 euro già sborsati. A fine marzo è prevista anche la consegna di 70 alloggi di Rocca Cencia per famiglie inserite in graduatoria. Certo siamo in campagna elettorale ed Alemanno vanta di avere  sino ad oggi consegnato f 1.391 alloggi per l'emergenza abitativa, ma, aironi, vi include anche le case assegnate dalla Giunta Veltroni nell'ultimo anno. Si tratta infatti di immobili tutti realizzati dalla Giunta precedente, compresi i 94 consegnati ieri a Lunghezza. E dopo?  Dopo questa amministrazione ha accumulato ritardi su ritardi, come spiega. il consigliere provinciale delegato alle Politiche abitative Nicola Galloro il quale pone però altri quesiti.  Come mai dopo due anni dalla scadenza, non ha ancora pubblicato il nuovo bando per l'assegnazione delle case popolari? E ancora, perché ha bloccato i tre bandi dell'amministrazione precedente per il cambio di destinazione d'uso di immobili inutilizzati, cosi' da poterli utilizzare per l'emergenza abitativa? E infine  perché non ha  mantenuto le sue promesse elettorali sui 20mila alloggi per la famiglie in attesa di una casa? Ma dubitiamo che possano venire risposte credibili, soprattutto quando si è intenti a tagliar nastri ad un anno dalle elezioni.

gl