Scuola, Zingaretti e Profumo visitano fotovoltaico del liceo Torricelli

0
26

Questa mattina il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, e l'assessore provinciale alla Scuola, Paola Rita Stella hanno visitato l'impianto fotovoltaico realizzato sul tetto del liceo scientifico Torricelli.

L'impianto è uno dei 235 già realizzati dalla Provincia di Roma su edifici di proprietà (228 su edifici scolastici e 7 su uffici provinciali). La potenza dell'impianto è di 19,5 kWp, valore prossimo al massimo realizzabile (20 kWp). Attivato a maggio 2011, ha prodotto ad oggi quasi 18.000 kwh, e si prevede che entro maggio prossimo arriverà a circa 24.000 kwh. L'energia prodotta corrisponde al consumo medio annuo di circa 10 famiglie. L'impianto del liceo Torricelli rientra nell'ambito di un bando complessivo in project financing (quindi a costo zero per l'amministrazione provinciale) per 301 scuole (l'importo dell'intervento ammonta a circa 23.760.000 e consentirebbe di ridurre le emissioni di circa 3.500 tonnellate di CO2 all'anno, equivalente ad una centrale elettrica di un paese di circa 6.000-7.000 abitanti, con una riduzione di circa 30.000 Tel (tonnellate di petrolio equivalente) e circa 70.000 tonnellate di emissioni di CO2 nell'atmosfera. Dei 235 impianti realizzati, 137 fanno parte del bando in project financing (nei prossimi mesi verranno realizzati oltre 50 impianti), mentre sono 98 le scuole dove sono stati installati impianti fotovoltaici, finanziati per un importo di circa 9 milioni di euro dalla precedente amministrazione e i cui lavori sono stati conclusi dalla Giunta Zingaretti.

"In questo liceo – ha spiegato Zingaretti – si percepisce il valore umano del sapere e delle giovani generazioni italiane. La visita al Torricelli è un'occasione per segnalare alcune belle cose che si possono fare per il bene della comunità: i tetti fotovoltaici, il bando per i riscaldamenti e quello per la fonia (per cui entro il prossimo anno tutte le scuole della provincia avranno la banda larga e il wi-fi gratuito), lo sport e Porta Futuro. Non c'è crisi – ha concluso Zingaretti – che possa giustificare tagli sulla formazione pubblica ed io credo che, al termine del nostro mandato, potremo dire di aver fatto il nostro dovere per i nostri ragazzi". Il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo, ha dichiarato: "Di risorse oggi ce ne sono poche, ma si possono utilizzare in modo diverso, facendo diventare l'energia una risorsa per la scuola. Questo però si può fare in tutte le amministrazioni, creando delle risorse da reinvestire su diverse strutture". "Io dico al presidente Zingaretti – ha aggiunto Profumo – che potremmo vedere i migliori progetti realizzati nelle province italiane e cercare di farli diventare un progetto per tutta l'Italia". Poi, rispondendo alla domanda di uno studente, il ministro ha parlato della riforma Gelmini: "Io credo che nella riforma ci sono delle cose che non funzionano, ed è su queste cose che dobbiamo intervenire, non serve un'altra riforma".