Rogo primavalle, Alemanno a commemorazione fratelli Mattei

0
37

Questa mattina a Primavalle, il sindaco Gianni Alemanno ha partecipato alla commemorazione della strage di Primavalle, avvenuta il 16 aprile del 1973, nella quale persero la vita Stefano e Virgilio, figli del segretario della sezione Msi del quartiere. I due giovani rimasero uccisi in un incendio appiccato da militanti di Potere operaio direttamente in casa Mattei. "Siamo in attesa del quarantesimo anniversario della strage di Primavalle – ha detto Alemanno deponendo una corona in ricordo delle due vittime – È impressionante che questa volta, che erano stati individuati i colpevoli, non sia stata fatta un'effettiva giustizia", ha aggiunto in riferimento al fatto che i colpevoli della strage furono condannati ma non hanno finora scontato il carcere perchè latitanti.

A margine della commemorazione, Alemanno ha sottolineato: "Mi affido all'opera di Giampaolo Mattei per fare in modo che non ci siamo più morti di destra e di sinistra e contrapposizione quando si commemorano i ragazzi uccisi in quegli anni", in riferimento al lavoro portato avanti dalla presidente della Fondazione fratelli Mattei, di cui Giampaolo – fratello di Stefano e Virgilio – è presidente. "Bisogna fare un grande sforzo – ha aggiunto Alemanno – per commemorare insieme e cercare la verità perchè non è giusto che dopo anni, per tanti ragazzi di destra e di sinistra, ancora non sia stata fatta giustizia". Alemanno ha anche posto l'accento sul fatto che "quando assistiamo oggi ad episodi di violenza politica siamo molto preoccupati perchè pensiamo che i ragazzi che li commettono non sappiano o non ricordino quello che è successo negli anni '70 e '80". Per questo, "nelle scuole dobbiamo portare un percorso di memoria sugli anni di piombo, De Palo ci sta lavorando e credo che dal prossimo anno scolastico saremo in grado di portare i giovani di Roma sui luoghi in cui sono stati uccisi tanti loro coetanei di un tempo". Infine, in merito agli episodi di violenza degli anni di Piombo rimasti impuniti, Alemanno ha ricordato che "abbiamo già fatto appello per riaprire le indagini che sono rimaste bloccate: sono convinto che bisogna continuare ad insistere. In quegli anni ci furono cattivi maestri che lavorarono per creare una strategia della tensione".

Alla commemorazione presenti anche alcuni amici dei fratelli Mattei che hanno deposto un mazzo di fiori con la scritta "I camerati" e la croce Celtica. Oggi pomeriggio è in programma un corteo in ricordo dei due fratelli. Erano presenti anche l'assessore all'Ambiente Marco Visconti e il consigliere comunale Federico Guidi.