DELIBERA CAM : Parcheggi, quegli scavi da fare in sicurezza

0
18

Si possono scavare insicurezza piani interrati sotto gli edifici dei mercati comunali? Nei mesi successivi  al Decreto Prodi del 2006,  che istituiva il Sindaco di Roma Commissario Straordinario per l’Emergenza Traffico e Mobilità, il Piano Urbano Parcheggi viene spostato  nel regime emergenziale e rimodulato in centinaia di nuove localizzazioni. 

Nel nuovo Piano sono inseriti diversi parcheggi da ricavare sotto mercati rionali e gli  ampliamenti dei garages sotto ai mercati di Via Magna Grecia,Via Chiana e Via Antonelli, oggetto della contestata Delibera 129 che verrebbero consegnati  alla CAM srl, in previsione del loro abbatti-mento e ricostruzione con varie cubature edilizie in più. A inizio  2008 vengono  introdotti ulteriori interventi che prevedono di  scavare parcheggi  sotto  altri  mercati: il mercato Nomentano di piazza Alessandria, nel  II Municipio,  e i mercati Vittoria, in via Montesanto ,Prati, in piazza dell’Unità,  Dei fiori, in via Trionfale, tutti del XVII Municipio.

Interrogazione sulla Delibera Cam

Nel luglio 2010 sul sito del Comune viene  pubblicato un avviso per  l’avvio in project financing  della riqualificazione di molti mercati comunali, in cui sono inseriti anche questi ultimi quattro. Per il mercato dei Fiori e il mercato Vittoria, edificati a fine anni ‘50, le proposte prevedono l’abbattimento e la ricostruzione totale. Invece per i mercati di Piazza Alessandria e Piazza dell’Unità, edifici storici di pregio,  si propone  solo una ristrutturazione, con la realizzazione di nuove cubature interne che non alterano l’architettura esterna degli edifici, e con la realizzazione di ulteriori parcheggi sotterranei. 

Nel corso del di-battito sulla Delibera CAM sono saltate fuori perizie giurate che mettono in dubbio la fattibilità tecnica degli ampliamenti dei parcheggi sotto le tre strutture (magna Grecia, Chiana, Antonelli)costruite  negli anni ’50, mentre  la stessa CAM  scrive in un protocollo d’intesa sottoscritto con gli operatori del mercato di Via Chiana, che  “la struttura portante dell’attuale edificio [del mercato di Via Chiana] non è stata progettata per ospitare né ulteriori piani interrati, né ulteriori piani sovrastanti e quindi si opererebbe con un costante pericolo di cedimenti o crolli…”. Ci si aspetterebbe che l’Ufficio Speciale Emergenza Traffico e Mobilità, prima di inserire nel piano parcheggi interventi  di  scavo di altri piani sotto gli edifici esistenti, ne appuri la fattibilità. Invece nessuna verifica tecnica viene avviata in attesa  del pro-getto esecutivo,  dopo la firma della convenzione e quindi quando il Comune avrà già preso impegni  il costruttore.

Delibera Cam, l’appello degli architetti per il mercato Metronio

Inoltre  la Commissione Patrimonio, alcuni consiglieri e comitati cittadini sono inattesa di una risposta sulla fattibilità tecnica dell’ampliamento di Via Chiana. Risposta che doveva arrivare dall’ex direttore dell’Ufficio Emergenza Traffico Daniela Barbato,  peraltro  moglie del progettista dell’ampliamento.

 

Mentre per quanto riguarda l’Ufficio Parcheggi, sembra che al momento abbia incaricato della verifica del  progetto strutturale  un geologo comunale. Come chiedere un consulto cardiologico a un dentista. Ci si augura solo che le rispost earrivino prima che il Comune si prenda impegni irreversibili…

Anna Maria Bianchi (Coordinamento comitati no Pup)

var WIDTH=615; var HEIGHT=70; var BGCOLOR=\”#FFFFFF\”; var HRCOLOR=\”#FFFFFF\”; var TITLE_COLOR=\”#FFA500\”; var TEXT_COLOR=\”black\”; var LINK_COLOR=\”#000080\”;