Memoria, reinstallate \”pietre d’inciampo\” dedicate a sorelle Spizzichino

0
22

Sono state reinstallate, in via Santa Maria in Monticelli 67, le “pietre d’inciampo” – dedicate alle sorelle Spizzichino – che erano state profanate e divelte lo scorso gennaio all’indomani della loro installazione da un farmacista romano,inquilino del palazzo, nel silenzio e con la complicità degli altri residenti dello stabile infastiditi di "ritrovarsi davanti casa un cimitero". I sampietrini dorati, dunque, hanno ritrovato la loro originaria collocazione rinnovando il ricordo Shoah.

Hanno presenziato ai lavori di reinstallazione il presidente di "Arte in Memoria" Ambra Chiara Zevi e l'Assessore alla Memoria del Municipio I Emiliano Pittueo, che ha commentato: " questa reinstallazione vuole essere un monito contro gli atti di vandalismo, che non saranno più tollerati: siamo sicuri che vi sarà una sorveglianza attiva da parte della cittadinanza e delle forze dell'ordine, che hanno mostrato grande sensibilità e determinazione già in passato trovando in tempi brevissimi il responsabile dello gesto scellerato".

Ambra Chiara Zevi ha concluso: "Le pietre sono state rimesse la dove sono state tolte: visto che la scusa per togliere, ammesso che possa essere una scusa, da parte di chi l'ha fatto è che i condomini non sono stati avvertiti, questa volta l'evento è stato avvertito per tempo affiggendo dei volantini. Speriamo che qualcuno del condominio venga in solidarietà a chi si è sentito offeso da quel gesto. Queste pietre non vanno vissute come un disturbo, ma come una opportunità per tramandare alle nuove generazioni la memoria di ciò che è stato".