Liste d’attesa, Avvocato del Cittadino: risarcire donne incinte per esami privati

0
82

"L’odissea delle liste d’attesa per esami e controlli presso Asl o aziende ospedaliere non sarà più un problema per le donne in stato interessante della Capitale. L’associazione Avvocato del Cittadino, sita a Roma, in via dei Fulvi 49, lancia un nuovo servizio di consulenza – gratuito per tutte le gestanti iscritte alla struttura – per richiedere al Servizio Sanitario Nazionale il risarcimento per le spese sostenute per eventuali visite ed esami effettuati privatamente a causa dell’eccessiva durata delle liste d’attesa della sanità pubblica. Previa richiesta alla Asl di competenza, sarà infatti possibile, se i tempi sono eccessivi, agire per essere risarciti.

Nel corso della gravidanza, esami e controlli debbono necessariamente essere eseguiti entro dei termini prestabiliti, troppo spesso inconciliabili con le lunghe file del Servizio Sanitario Nazionale. Una corsia preferenziale è garantita solo – in particolari e gravi casi – alle donne in gravidanza a rischio, con serie patologie, che, con opportuna certificazione, possono evitare le smisurate attese. Ma per una gravidanza fisiologica non ci sono sconti. Eppure, il nostro ordinamento, con la legge 431/06, stabilisce i tempi massimi di attesa: 30 giorni per le visite specialistiche e 60 per la diagnostica strumentale. Se tali termini vengono superati è quindi possibile chiedere un risarcimento". Così in una nota l'associazione Avvocato del Cittadino.

“Ci occupiamo spesso di problemi e disagi delle donne incinte – dice Emanuela Astolfi, fondatrice dell’associazione – Da una nostra recente inchiesta è emerso che il costo di una gravidanza a Roma è di almeno 4.000 euro. E purtroppo, ciò che fa lievitare maggiormente i prezzi è proprio l’impossibilità di riuscire a prenotare per tempo gli esami attraverso il Recup”.

"L’associazione Avvocato del Cittadino – si legge nel comunicato – sarà dunque a disposizione delle donne incinte, per offrire loro consulenze e orientamento, sostenendole sia nella fase di richiesta alla Asl di competenza della prestazione specialistica necessaria, entro i tempi previsti, sia nella eventuale successiva fase di risarcimento per la spesa effettuata presso una struttura privata. La Cassazione (sentenza 2444/01) ha inoltre stabilito che la preventiva autorizzazione da parte della Asl è necessaria, ma non indispensabile, se il cittadino si trova in una condizione di salute critica, con imminente pericolo di vita o di aggravio della malattia".

È SUCCESSO OGGI...

Elezioni comunali ad Ardea, affluenza definitiva 39,83%

L'affluenza definitiva per il turno di ballottaggio delle elezioni comunali è stata del 39,83%. Hanno votato 14437 cittadini.

Torre Argentina, carabinieri arrestano 3 clonatori in azione

I Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato 3 cittadini bulgari di età compresa tra i 32 e i 36 anni, tutti nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, con...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Rignano, furto in 2 supermercati: 3 persone arrestate

I Carabinieri della Stazione di Rignano hanno arrestato tre cittadini romeni – due uomini di 23 e 46 anni e una ragazza di 21 anni, tutti con precedenti - con l’accusa di furto all’interno...
Pugno Anziana Polizia

Tor Bella Monaca, sequestrate armi (anche da guerra) e munizioni

Nella serata di venerdì scorso, agenti della Polizia di stato della squadra mobile di Roma hanno effettuato diverse perquisizioni domiciliari nel quartiere di Tor Bella Monaca, alla ricerca di armi: una 30ina di agenti...

Carabinieri arrestano maldestro scassinatore di bancomat

Partenopeo in trasferta nella provincia di Livorno arrestato sulla SS 1 Aurelia dai Carabinieri della Radiomobile di Tuscania. È successo alle prime luci dell’alba del 24 giugno 2017, i Carabinieri impegnati nel controllo alla circolazione...