Alemanno dichiara guerra alla “sinistra settaria” e va a caccia dei grillini

0
68

Gianni Alemanno è ormai disposto a parlare con tutti, tranne che con quella sinistra settaria che in Aula Giulio Cesare gli sta bloccando la privatizzazione dell’Acea e gli procura ritardi nell’approvazione del bilancio capitolino, ultima spiaggia per racimolare risorse e benefici da distribuire prima delle elezioni. Così ieri, nel corso del convegno Confai, se ne è uscito con la seguente dichiarazione: «Quando capiremo chi sono i grillini romani, non avremo difficoltà a parlare e collaborare con loro nell’interesse della città. Saranno sicuramente una forza meno faziosa e meno negativa dell’attuale opposizione in consiglio comunale».

Ora, capire chi sono i grillini, o meglio il movimento 5 Stelle, non è particolarmente difficile perché basta sfogliare un qualsiasi quotidiano senza andarseli a cercare sul web dove dominano incontrastati. Che poi vogliano fare l’interesse della città è indiscutibile, purché venga annientata l’attuale classe politica, definita razza ladrona nel più benevolo dei casi. Ma che i seguaci del comico genovese vogliano dialogare e addirittura collaborare con Lui significherebbe il suicidio del movimento che ormai a Roma viaggia, almeno dai sondaggi, sul filo del 15% dei consensi. Anzi, con una prospettiva di tal genere c’è rischio che il loro candidato finisca per essere il solo competitor della sinistra nel prevedibile ballottaggio, come è successo a Parma. E allora come interpretare le affermazioni del sindaco? Apertura ai movimenti? Improbabile prossimità di idee e obiettivi con i proclami del Beppe rampante? La nostra impressione è che Alemanno in questo momento sia un po’ confuso, e non dovrebbe visti i sondaggi che lo danno ancora al 52% dei consensi. Ma nel caso quelle rilevazioni si rivelassero sovrastimate (si fa per dire), probabilmente il sindaco pensa già a un ballottaggio dove il voto del movimento potrebbe essere decisivo per la sua vittoria.

Per di più gli stessi sondaggi (non quelli di Alemanno) dicono che i due terzi dei voti grilleschi a Roma proverrebbero proprio da sinistra. Tanto basta perché nell’immaginario di un sindaco senza partito, con un Pdl dal futuro incerto e gli ex aennini in cerca di identità, si adegui all’onda montante dell’antipolitica. Lui che della cosiddetta seconda repubblica è un prodotto certificato.

gl

 

È SUCCESSO OGGI...

Calciomercato Lazio, de Vrij resta. Ma Borini va al Milan

La telenovela de Vrij giunge finalmente al termine. Con lieto fine, per ora. Il difensore olandese della Lazio ha infatti deciso di restare in biancoceleste anche per la stagione 2017/18, garantendo al tecnico Simone...

Libri scolastici, Campidoglio sigla protocollo d’intesa con Confcommercio e Confesercenti

Garantire la fornitura gratuita dei libri di testo, tramite cedole librarie digitali, agli alunni residenti nel territorio di Roma e frequentanti le scuole primarie (statali e paritarie) per l’anno scolastico 2017-18. E’ l’obiettivo del...

Sgomberata la “piazza dello spaccio”, pioggia di arresti

I Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina hanno dato esecuzione ad una ordinanza di arresto nei confronti di 9 persone, ritenute responsabili di numerosi episodi di spaccio nel quartiere romano San Lorenzo. L’attività...

As Roma, l’incredibile nuova acconciatura di Nainggolan (VIDEO)

Solo pochi giorni fa aveva postato sul suo profilo Instagram una foto enigmatica, piena di mistero, in cui scriveva di "pensare a cosa fare". Ma non parlava del futuro calcistico, Radja Nainggolan, bensì della...

Tenta di evadere dal carcere, fermato all’ultimo momento

Sventato a Roma pochi minuti fa, dalla Polizia Penitenziaria, un tentativo di evasione dal carcere trasteverino di Regina Coeli. Il detenuto straniero è saltato dai passeggi ma, notato dal personale di Polizia Penitenziaria presso la...