Radio Vaticana dimezza le frequenze. Comitato cittadino: «Onde killer, altri casi di leucemia»

0
50

All’indomani della decisione di Radio Vaticana di diminuire le frequenze della sua emittente, spuntano a Cesano «dieci nuovi casi di malattia». È quanto affermano i cittadini del comitato Bambini senza onde che lunedì scorso hanno organizzato una conferenza stampa presso l’università Agraria di Cesano.

Il comitato di genitori e cittadini di Roma nord è formato nel 2000 per promuovere la lotta all’inquinamento causato dalle onde elettromagnetiche di Radio Vaticana in seguito alla ricerca epidemiologica che ha evidenziato un eccesso di leucemie, linfomi e mielomi negli adulti e nei bambini residenti. «La messa in onda del servizio giornalistico “Onde Sacre” di Off the Report del 27 maggio scorso ha dato coraggio a numerose famiglie, che spontaneamente hanno contattato il comitato per denunciare le malattie subite consegnando cartelle cliniche delle suddette neoplasie» afferma Augusto Russo del comitato bambini senza onde.

«Quello che oggi arriva da Cesano e da tutta Roma nord è un grido di allarme che non può essere ignorato dalle istituzioni» rincara il capogruppo Pd del Consiglio Municipale Roma XX Daniele Torquati spiegando che «grazie all’iniziativa del comitato Bambini senza onde, che ha ottenuto una perizia condotta in sede giudiziaria, sappiamo dell’esistenza di “un’associazione importante, coerente e significativa tra l’esposizione residenziale alle strutture di Radio Vaticana ed eccesso rischio di malattie come le leucemie soprattutto nei bambini». «Quello che vogliamo ribadire con forza>> aggiunge Fabio Rollo del comitato «è che il problema riguarda una vastissima zona con un raggio di 12 km che comprende buona parte del XX municipio di Roma, Anguillara, Campagnano e Formello quindi non è un problema dei soli cittadini di Cesano». «Lunedì mattina – continua – ci recheremo presso il Tribunale di Roma e consegneremo al pubblico ministero le nuove cartelle cliniche che ci hanno consegnato i cittadini».

Intanto mentre Radio Vaticana comunica «dal primo luglio stop a tutte le trasmissioni in onde medie e corte verso la maggior parte di Europa e Americhe», il presidente Codacons Carlo Rienzi afferma che «le onde andavano tagliate già molti anni fa, prima che i residenti di S. Maria di Galeria si ammalassero e morissero di leucemie e tumori».  

Riccardo Razionale