Tornano i sondaggi, euforia in Campidoglio

0
22

L'euforia in Campidoglio è tornata. Gianni Alemanno ci crede, spinge sull'acceleratore. Sente che qualcosa sta virando e il vento potrebbe girare a suo favore. Fino a qualche mese fa il sindaco era in caduta libera… Ora c'è un'inversione di marcia. Il sindaco risale nei sondaggi.

Alemanno ha commissionato a due importanti istituti un sondaggio… I primi dati gli sono stati recapitati da Swg. Secondo la società triestina Alemanno è 7 punti percentuali avanti a Zingaretti. Più cauti, invece, i numeri dell'Istituto Piepoli fotografano il sindaco 3,5 punti avanti al presidente della Provincia. Gianni è in preda all'euforia, nel suo staff sta tornando l'ottimismo.

La notizia è stata pubblicata su un ignoto, almeno a chi scrive, portale internet intitolato il Portaborse.com che nella homepage fa sapere di essere nelle stanze del potere "conosce segreti. E' informato sulle indiscrezioni. Sa prima degli altri cose che accadranno. Di solito è muto come un pesce. Stavolta s'è rotto e ha deciso di parlare." Niente di più, niente di meno.

Ma la notizia pubblicata, senza conferme e senza ulteriori precisazioni, è sufficiente a raccogliere la soddisfazione del sindaco e l'entusiasmo dei suoi supporters, fra i quali tal consigliere Naccari per il quale la notizia «zittisce tutti gli esponenti della sinistra che preferiscono la politica fatta di annunci e di polemiche contro l’amministrazione». Di qui le conclusioni tombali del Naccari: «Per la sinistra e per Zingaretti l’ennesima bocciatura, che ribadisce la distanza dalle vere esigenze della città». Da notare che l'autorevole sito appena 17 ore prima scriveva che "come Rutelli e Veltroni, anche Alemanno abbandona Roma" citando proprio una intervista del sindaco a Repubblica. Non solo, ma siccome quelli del portaborse sanno tutto e si sono pure rotti le scatole, scrivevano ancora che Alemanno "da settimane è a caccia di un ruolo nazionale. Voleva fare l'anti-Alfano. Ma come ha alzato la cresta ha rischiato di perdere un pezzo della sua corrente parlamentare visto che il fedelissimo Edmondo Cirielli lo ha mollato su due piedi andando ad accasarsi da Gasparri, con il quale aveva avuto una furibonda litigata (erano pure venuti alle mani) una quindicina di anni fa. E allora ha deciso: si vuole lanciare in un'altra missione suicida, quella di candidato premier."

Notizie talmente segrete da essere lo sport preferito di quasi tutti i quotidiani, ma soprattutto degli amici/camerati di Gianni. In attesa che gli autorevolissimi istituti di rilevazione SWG e Piepoli diano conferma dell'esistenza dei sondaggi pubblicandoli sul sito ufficiale della Presidenza del Consiglio come per legge, perché negare ai portaborse ed ai Naccari il loro momento di gloria?

gl