Ostia, presentato \”Os Tiberis\” per monitorare il degrado del Tevere

0
21

Da oggi il progetto "Tevere Rangers", il monitoraggio dello stato di degrado del fiume mediante periodiche perlustrazioni, è esteso al segmento del Tevere compreso tra Dragona e la foce.

L'iniziativa per la lotta al degrado e per interventi a sostegno della sicurezza e legalità nell’area della foce del Tevere, "Os Tiberis", è promossa dall’Osservatorio tecnico scientifico per la sicurezza e legalità della Regione Lazio e si svolgera' in collaborazione con Associazione Nazionale Polizia di Stato, l’Associazione Nazionale Carabinieri ed il Nucleo Protezione Civile Gruppo Blu Sub Emergenza Costiera.

"L'esperienza iniziata l'anno scorso – ha commentato l’assessore ai Rapporti con gli enti locali e politiche per la sicurezza della Regione Lazio, Giuseppe Cangemi, nel corso della presentazione del progetto che si e' svolta presso il Club Nautico di Roma ad Ostia – ha dato ottimi risultati riportati in un ampio dossier. Oggi abbiamo idea di quello che c'e' sul Tevere: degrado, abbandono, emarginazione di tante persone che vivono in maniera clandestina e pericolosa lungo gli argini. Per il progetto che durera' un anno, la Regione Lazio ha stanziato 25 mila euro. Un costo limitato che ha portato a risultati sorprendenti. E' questa la nostra idea di sicurezza partecipata".

Il progetto "Os Tiberis" che mira a completare il monitoraggio del bacino del Tevere, dalla diga di Castelgiubileo alla foce, prevede inoltre la partecipazione di un esperto di beni culturali componente dell'Osservatorio che fornira' una visione tridimensionale dei dati relativi alla criminalita', al degrado e a quelli relativi alle zone d'interesse archeologico munumentale.

Alla fine della presentazione stampa e' stato effettuato un primo monitoraggio del segmento di fiume al quale hanno partecipato tra gli altri l'assessore Cangemi, Rosario Vitarelli, presidente Osservatorio tecnico scientifico per la sicurezza e legalità della Regione Lazio e Alfonso Rossi, presidente Tevere Rangers. Nel corso della navigazione, circa 20 km compresi tra Ostia e Fiumicino, sono stati avvistati numerosi battelli parzialmente affondati e diversi insediamenti abusivi. E' stato notato inoltre lo stato di semi abbandono dell'attracco dal fiume agli scavi di Ostia Antica.