Fondi Pdl, Polverini: è una catastrofe come l’inondazione di Firenze, chiedo scusa a tutti

0
41

"Sono qui per dire basta. Perchè nel tentativo di spalare fango, con qualche distinguo, ci siamo mostrati inadeguati più di quanto tutti pensano, dobbiamo non solo spalare fango ma fare qualcolsa di più. Quasta cosa è come l'inondazione di Firenze, è una catastrofe per la politica e le istituzioni.

Si è deciso di spalare fango ma anche porre argine perché non si ripeta più. Io intendo garantire l'autonimia del consiglio. Ho scelto questa sede anche perché, anche se non ho responsabilità amministrativa di quanto accaduto, ne ho la responsabilità politica. Son qui per chiedere scusa ai cittadini del Lazio per quello che si è consumato. E anche ai cittadini del paese perchè quello che è accaduto è andato oltre i nostri confini. E anche alle altre istituzioni e perché questo ha messo in dubbio la credibilità delle istituzioni". Lo ha detto il presidente della Regione, Renata Polverini intervenendo alla Pisana.

Ho sempre rispettato l'autonomia del consiglio regionale e dei gruppi – ha aggiunto Polverini – ma oggi sono qui per dire che, a prescindere dal momento storico che stiamo vivendo", quello che è accaduto, "è considerato insopportabile e indecente".

“Il Lazio – ha proseguito ancora il governatore – non è una regione qualsiasi. C'è la Capitale d'Italia, qui si è consumata la storia del paese. Qui si ospitano le principali sedi istituzionale di tutto il paese. Ed è per questo che quanto accaduto è ancora più grave".