Le nomine sotto la lente dell’opposizione

0
66

Non passa giorno senza che le municipalizzate passino sotto la lente d’ingrandimento di qualcuno, come i due milioni di spese promozionali e di immagine di Ama che Cinque Giorni ha riportato sabato scorso. Ma comincia a divenire costoso anche il valzer di poltrone al quale ci ha abituato questo sindaco da quando si è insediato.

Ieri sono partiti alla carica il vice presidente dell’assemblea capitolina Mirko Coratti ed il presidente della Commissione Controllo Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale Massimiliano Valeriani entrambe del Pd, i quali questa volta hanno preso di mira Assicurazioni di Roma, non lascia spazio a dubbi. Conferma ed evidenzia sempre di società comunale a totale capitale pubblico.

Ecco, secondo i due consiglieri opposizione, i fatti che inchioderebbero la gestione di questo importante asset di Roma Capitale. Tanto per cominciare l’indicato direttore generale Olivari, non è mai approdato in azienda, perché la sua nomina è stata bocciata dall’ISVAP (istituto per la sorveglianza sulle Assicurazioni private e di interesse collettivo), che l’ha giudicato non idoneo, valutazione a suo tempo sostenuta dallo stesso Valeriani.

Nel frattempo Cardia, il presidente del C.d.A. ha ritenuto necessario, per le sorti dell’azienda, riconfermare l’incarico a Bianco, vecchio direttore generale, con un contratto a tempo determinato fino all’insediamento di un nuovo Direttore, «evitando così conseguenze pregiudizievoli per la compagnia». «Peccato – denunciano in una nota i due consiglieri del Pd – che a Bianco, era stata precedentemente accordata una consulenza per ulteriori due anni, per affiancare Olivari visto la sua poca esperienza nel settore».

Così oggi Assicurazioni di Roma ha e paga un direttore generale e il suo tutor. «Una sola cosa è certa. Si stanno usando i soldi delle Casse Comunali per rimpinguare quelli di “esperti, consulenti e direttori”, con cifre astronomiche». Infatti lo stipendio previsto per il nuovo Direttore generale, infatti, ammonta a 235.000 euro oltre agli immancabili benefit.

Anzi in proposito Valeriani e Coratti si chiedono quante auto blu siano in uso ad AdiR. Ma si chiedono soprattutto a cosa serva ancora la consulenza quale tutor del vecchio direttore per l’affiancamento di quello nuovo, visto che il nuovo direttore dovrebbe aver tutti i requisiti per guidare una compagnia di assicurazioni. E ancora, come è possibile che un consigliere di amministrazione sia assunto come dirigente a tempo determinato pagato con «lauti emolumenti, per occuparsi di materie come la ‘riassicurazione’ che dovranno essere riapprovate poi dal consiglio d’amministrazione stesso». Già, appare quantomeno una spesa incomprensibile. Coratti e Valeriani non esitano a definire quanto accaduto, una «leggerezza» con la quale il Presidente starebbe e avanzano dubbi operando «sulle capacità del consiglio di seguitare a gestire una compagnia ancora sana» in assenza di un qualsiasi controllo da parte del Comune di Roma.

Insomma i due dubitano della scelta di questi amministratori, nominati dal sindaco e lanciano l’allarme «poiché altre potrebbero essere le decisioni prese in autonomia e grosse e colpevoli potrebbero essere le responsabilità, le ricadute sui bilanci e le relative carenze di qualità nei servizi che AdiR presta alla città. Seguiteremo, concludono Valeriani e Coratti, a tenere sotto controllo questa azienda che vive con fondi pubblici dei quali bisogna rispondere ai cittadini».

È SUCCESSO OGGI...

Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Caput Mundi, arriva il gioco ispirato a Mafia Capitale⁩

Due avvocati di Roma appassionati di giochi di società, agli albori dell’inchiesta su “Mafia Capitale”, colpiti e ispirati dal continuo saccheggio della città eterna ad opera di politici, funzionari e criminali organizzati, hanno deciso di...

Storace insiste: «Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali»

E’ da qualche giorno che il vicepresidente della Pisana Francesco Storace batte sullo stesso tasto: Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali nel Lazio a novembre in concomitanza con le elezioni regionali in Sicilia. La...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...

Forte scossa di terremoto, giocatori del Frosinone fuori dall’hotel

La scossa di magnitudo 4.2 registrata tra Lazio e Abruzzo alle 4:13 della notte e' stata chiaramente avvertita dai giocatori e dallo staff tecnico del Frosinone Calcio. La squadra laziale e' infatti da giorni...