I Radicali: «Ecco le nostre proposte»

0
87

Anche per i Radicali la Polverini «non poteva non sapere». Ma come mai anche il gruppo composto dai 2 consiglieri Giuseppe Rossodivita e Rocco Berardo hanno prima incassato i fondi che l'ufficio di presidenza (di cui i radicali non fanno parte) e poi li hanno in parte spesi? A rispondere nel corso della conferenza stampa organizzata nella sede di Torre Argentina sono stati proprio lo stesso Berardo e Marco Pannella.

«Noi sapevamo che quei fondi erano ascritti al finanziamento dei gruppi perchè sono accompagnati in dicitura con quella voce, ma non ne conoscevamo l'entità perchè erano stati somministrati a rate. Per cui ogni volta pensavamo che finissero con il primo importo, mentre alla fine dell'anno arrivarono tre rate, e noi non conoscevamo le delibere dell'ufficio di presidenza». Ma se erano fondi "in più" rispetto all'esistente perchè usarli allora, e non dirsi da subito contrari a questo ulteriore foraggiamento dei gruppi politici in Regione? «Lo abbiamo detto più volte rispetto al tema del finanziamento pubblico: guardate che se io li restituivo – ha risposto il consigliere Berardo – li avrebbero messi in giro per i vari Fiorito. Noi intanto non li abbiamo spesi tutti e potete vedere dal bilancio online quanti residuano, e soprattutto abbiamo detto come li abbiamo spesi».

I radicali contestano quindi la teoria di chi dice "chi era contrario a quei fondi non li doveva poi neanche prendere", e spiegano anche come decisero di impiegarli: «Abbiamo stabilito – ha chiarito Marco Pannella – che al 39° congresso transnazionale ci fosse un contributo per qualche panino per i partecipanti, in linea con la campagna di Emma del 2010, contribuendo a permettere che militanti non violenti e altre minoranze potessero essere rappresentati». Alla conferenza stampa sono intervenuti anche il segretario dei radicali Mario Staderini e Emma Bonino, che nei giorni scorsi aveva denunciato l'atteggiamento dei partiti, al tempo della sua candidatura alla Regione, "rei" secondo la radicale di non aver voluto appoggiare i suoi obiettivi per la trasparenza e la legalità e che ieri ha annunciato l’impegno dei radicali ad «assumere la responsabilità, come alternativa radicale, di concorrere alle scelte che il paese dovrà fare a tutti i livelli – comunale, regionale, nazionale o relativamente alle più alte istituzioni».

I radicali rivendicano dunque di essere stati i primi a pubblicizzare i loro bilanci e a rendere pubblico l'utilizzo dei fondi a loro disposizione in questi due anni e mezzo di consiliatura alla Regione Lazio e di aver così denunciato per primi la assoluta mancanza di controllo sui fondi ai gruppi. Dunque, il gruppo radicale ha presentato le sue tre proposte: approvare subito una legge per l'anagrafe degli eletti; riformare il sistema dei vitalizi in Regione passando al contributivo; tagliare definitivamente i fondi ai gruppi consiliari e fare in modo che tutto sia rendicontato e verificabile. Se in Regione dunque, tra la "faida" nel Pdl e le deunce dei radicali qualcosa si muove, si brancola ancora nel buio in Comune, dove (tra la scoperta di uno scandalo e un altro) fanno fatica a uscire i "segreti" dei gruppi consiliari capitolini. Qui si tratterà forse di eventi e spese di minore impatto mediatico, non ci saranno le feste a tema da trentamila euro e le cifre milionarie della Regione, ma tra la festa in un parco pubblico e un pezzo di marciapiede da rifare anche qui ballano sulle spalle dei cittadini diversi milioni di euro, spartiti tra i consiglieri comunali in maniera discrezionale, di cui poco si sa.

Tutto parte dalla cosiddetta "manovra d'aula", dove il bilancio della Capitale (quello che al momento non è stato ancora approvato) mette a disposizione di ciascun consigliere comunale 200mila euro. La denuncia arriva dal presidente del Municipio X ed esponente di Sinistra e libertà Sandro Medici: «Ogni consigliere ha una serie di suoi obiettivi che spesso non hanno nulla a che fare con le priorità del municipio». «Sono fondi che arrivano già vincolati sul bilancio dei municipi – spiega ancora Medici – Per cui, mentre siamo tenuti a svolgere certe attività con quei fondi, ci ritroviamo senza soldi per riparare le scuole, tappare le buche sulle strade, occuparci dei più deboli». La polemica è appena all'inizio, e gli stessi radicali hanno chiesto con il segretario romano Riccardo Magi che «il presidente dell'aula e il sindaco, i capigruppo Pdl e Pd garantiscano trasparenza anche sulle attività finanziate nell'ambito della "manovra d'aula" dall'ufficio del Consiglio e dal Gabinetto del sindaco, pubblicando online la rendicontazione».

Francesco Unali

È SUCCESSO OGGI...

twitter

Spariti da 5 anni: narcotrafficanti arrestati a Roma grazie ai social

I Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, presso l'Aeroporto di Roma-Fiumicino, congiuntamente a personale della Polizia di Frontiera Aerea, hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nel 2011, dal Gip del...

Virginia Raggi convoca 120 sindaci della provincia e poi non si presenta

"Prima convoca 120 Sindaci a Roma di venerdì mattina, per discutere sul tema dei migranti. Poi dà buca, senza alcun preavviso. Motivazione ufficiale, arrivata via mail dopo mezzogiorno, è impegni indifferibili del Prefetto. Motivazione...

Riciclava auto rubate ad Ariccia: arrestato

Nel cuore della notte, è stato sorpreso mentre stava "smembrando" una lussuosa Jeep, tagliandone il telaio con un frullino dopo averla spogliata delle relative parti elettriche e meccaniche.   Il rumore dello sferragliamento ha attirato nella...

Ecco come due rom hanno cercato di aggirare un anziano a Roma

Da via Morgagni, due rom hanno seguito a distanza un anziano, si sono avvicinati allo stesso e, mentre uno dei malviventi lo ha afferrato con forza al braccio per trattenerlo, il complice, ha infilato...
ladro di biciclette

Detenuto suicida a Rebibbia: è il terzo caso nei penitenziari

"Apprendiamo che un detenuto si è suicidato nel carcere romano del NC Rebibbia. Il reparto dove si è suicidato il detenuto e il G9. Si tratta del terzo suicido nelle carceri del Lazio.   In più...