Alemanno, voci di dimissioni

0
21

Le voci si rincorrono e si accavallano: la crisi del Pdl ormai sembra travolgere anche l'amministrazione capitolina. Mentre un quotidiano on line poche ora fa dava per certe le prossime dimissioni del sindaco Gianni Alemanno, altre fonti parlano della sua intenzione di farlo subito dopo l'approvazione del Bilancio. Perché questo è il nodo.

Il Consiglio è paralizzato dai dissidi all'interno della maggioranza che non riesce nemmeno ad avere i numeri in aula, mentre le opposizioni stanno in attesa sul piede di guerra.

I tempi stringono perché il termine ultimo per l'approvazione di quell'atto fondamentale, già in ritardo di nove mesi per la sua approvazione, scade proprio il 31 ottobre termine oltre il quale scatta d'ufficio il commissariamento.

"Sono ormai mesi che in città si parla delle dimissioni di Alemanno e della sua fuga per una poltrona sicura alla Camera. Oggi le indiscrezioni vengono confermate anche da importanti mezzi di informazione. Siamo stanchi di questo balletto sulle dimissioni. Alemanno se ne va sì o no?". Sono le parole del segretario del Pd Roma, Marco Miccoli che, nel commentare la vicenda, ha aggiunto: "Qualora, speriamo, decidesse di andar via gli chiediamo di farlo al più presto per il bene dei cittadini. L`attuale incertezza devasta ulteriormente una città ferita dal malgoverno della Giunta Alemanno, la peggiore che Roma abbia mai subito. La parola deve tornare ai cittadini con il voto".