Alemanno \”spazzino\” per una notte (VIDEO)

0
42

«Ormai da tempo e su ogni argomento ci sono speculazioni ridicole e strumentalizzazioni gratuite su quanto deciso dalla nostra Amministrazione».

Sono trascorsi esattamente 3 minuti e 22 secondi quando il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, inizia a parlare cercando di difendere la sua ordinanza antibivacco. Il video sul suo canale YouTube sta già spopolando su internet e il suo monologo non resterà inascoltato:

«Il primo ottobre – continua il primo cittadino – abbiamo stabilito di fare un’ordinanza antibivacco, ovviamente è uscito fuori che eravamo contro il “panino”. Addirittura un po' di gente si è messa a fare un flash mob davanti al Campidoglio, dicendo che noi non volevamo far più consumare bevande o alimenti lungo le strade di Roma».

E' quasi sicuro che il filmato diventerà un tormentone. Alemanno già spalatore di neve, poi in versione "renegade" motociclista contro la prostituzione e ora operatore ecologico. Nel suo "viaggio", da piazza di Spagna a Fontana di Trevi in versione "spazzino" della notte, il super sindaco cerca di mostrare l'utilità della sua ordinanza e, anche se nella bustina di avanzi raccolti non c'è traccia di differenziata, le sue intenzioni sembrano quelle di rispondere alle critiche della sinistra che non ha compreso il senso dell'iniziativa:

«Ho fatto un giro per la città per dimostravi la necessità di questa ordinanza anti-degrado. Da Piazza di Spagna a Trinità dei Monti ho trovato abbandonati rifiuti di ogni genere.

Quello che voglio far capire è che i nostri vigili devono rispettare una circolare precisa, non devono disturbare chi è seduto, chi mangia il panino o beve qualcosa, ma devono stare attenti affinchè non vengano lasciate cartacce e sporcizia.

No, dunque, alle logiche repressive, ma dobbiamo reagire a questo stato di cose per difendere i monumenti più importanti della città. Se andate a Vienna, Parigi, Tokyo e provate a fare quello che viene fatto sui monumenti della nostra città, la reazione della polizia è molto dura.

A Roma invece per una logica da bivacco della sinistra, da fricchettoni, sostanzialmente questo sarebbe un modo di reprimere la città. Quindi io invito tutti a rispettare questa ordinanza, comprendendone e trasmettendone il senso: è un’ordinanza antidegrado e non anti-panino». Non ci resta che augurarvi buona visione.