Zingaretti: «Se ce la farò, la Regione sarà più utile»

0
71

Le ostriche? «Non mi piacciono particolarmente». I Suv? «Uso i mezzi pubblici». Prova a scherzare (ma in realtà va già duro) sullo scandalo Lazio Nicola Zingaretti, intervistato ieri mattina all'interno della trasmissione "SuperMax" su Radio2 Rai.

Al momento la sua è la sola candidatura alla Regione Lazio effettivamente in campo e nel "deserto" provocato dagli scandali e dalla crisi dei partiti, il presidente della Provincia di Roma inizia a prendere il largo da solo nella campagna elettorale. Se il Lazio è diventato a livello nazionale il simbolo degli sprechi e del malgoverno, Zingaretti lancia la sua sfida proprio per «cambiare tutto», come aveva detto nei giorni scorsi: «Se ce la faccio vi lascerò una regione molto più bella».

Ma prima delle promesse il neo candidato traccia la sua analisi: «E' accaduto che lì è uno schifo e bisogna mandarli subito via. Lo schifo che è emerso in questi ultimi giorni – ha aggiunto – non è solo lo spreco di soldi, ma il fatto che li prendevano mentre chiudevano ospedali e servizi pubblici. E qui ci vuole una Regione che serve e che lavora».

Zingaretti ricorda i suoi trent'anni di politica e il suo passato da capogruppo al Parlamento europeo per spiegare che la sua scelta non è legata a un'idea di "carriera" politica: «Io voglio dimostrare che la politica non è tutta uguale: voglio costruire in Regione un modello di trasparenza pulizia onestà al servizio dei cittadini. Potevo fare il sindaco: era forse anche più prestigioso, ma ora è più giusto mettere la faccia sulle cose più difficili». Su questo il presidente della Provincia ha voluto precisare: «Se viene Obama a Roma penso che vada a salutare il sindaco e non il presidente della Regione, ma a me hanno insegnato da piccolo che non bisogna partire dall'interesse personale ma da ciò che è utile per la comunità».

Lo sguardo è però al futuro e agli obiettivi da conseguire in caso di una vittoria: Zingaretti vuole «dare un segnale di totale inversione di tendenza – ha spiegato in diretta – Dimezzare tutte le società della Regione. Sono tante sovrapposizioni che costano e non hanno motivo di esistere». Secondo Zingaretti inoltre «la Regione è fondamentale per la cosa più importante: il lavoro. Tantissimi euro utilizzati male che non arrivano all'obiettivo, come la formazione professionale, altra grande opportunità ». Dunque la speranza di essere vero fattore di cambiamento: «Se ce la faccio vi lascerò una regione molto più bella e utile di quella che troverò». Adesso però il nodo da sciogliere è quello della data delle elezioni.

Zingaretti sa che è la «prima grande battaglia da fare» e per spiegarlo sceglie toni fermi e argomenti concreti: «La Polverini si è dimessa da 10 giorni – è tornato a spiegare – il governo ha detto che si deve votare entro 90 giorni, e invece dicono che bisogna andare avanti così fino ad aprile: questa è una prima grande battaglia da fare».«Dicono che votare subito costa 27 milioni ma restare fermi per 6 mesi, peraltro senza consiglio, ha per i cittadini un costo enorme. In democrazia quando ci si dimette si indicono le elezioni. Ecco perchè parlo di emergenza, non ho più parole».

È SUCCESSO OGGI...

Pomezia, incendio nella sede comunale: indagini in corso

La sede comunale di piazza Indipendenza è stata oggetto la scorsa notte di un attentato incendiario al piano terra. Fortunatamente l’intervento delle forze dell’ordine è stato tempestivo e ha evitato danni gravi. “Un grave attentato...
Legacoop Lazio ha scritto una lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi per chiederle un confronto sulle recenti decisioni della Giunta (Foto Pizzi)

La democrazia partecipata non è solo un click dei 5stelle

Una nota della sindaca Virginia Raggi e dei consiglieri del M5S di Roma Capitale annuncia che, dopo 23 anni dall’ultimo regolamento in materia di partecipazione popolare, è stata presentata una proposta di delibera di...

Vedono turisti con la maglia della Lazio e li aggrediscono: in manette ultras romanisti

Dalle prime ore di questa mattina, gli agenti della Polizia di Stato della Digos di Roma, stanno eseguendo delle misure cautelari a carico di esponenti ultras romanisti, indagati per l’aggressione in danno di alcuni...

Chiude la figlia in macchina e va a giocare alle slot machines

In preda alla febbre del gioco, ha preso l'auto della donna per cui lavora come badante, ha parcheggiato nei pressi di un bar di Villanova di Guidonia, chiuso la figlia di 7 anni in...

Presa a pugni dal compagno, si difende con un frigorifero

Un frigorifero dietro la porta e la chiamata al 112: così si è difesa dal suo aguzzino una donna di 46 anni che, in un anno e mezzo di convivenza, aveva già perdonato  il...