Regionali, opposizione occupa sede della giunta: \”Golpe per la democrazia\”

0
42

"Questo è un golpe per la democrazia". Lo dice il capogruppo di Sel Luigi Nieri, che insieme ad una ventina di consiglieri dell'opposizione alla Pisana, ha occupato la sede della giunta regionale sulla Colombo. "Se entro oggi verrà fuori una data per il voto – aggiunge il capoigruppo Pd Esterino Montino – la nostra protesta finirà. Se continua l'imbarazzante silenzio della Polverini resteremo qui tutta la notte e nella giornata di domani".

I rappresentanti dell'opposizione, giunti nella sede alla spicciolata, spiegano di essere stati "costretti" ad occupare. "E' paradossale – dicono – Eravamo venuti qui per fare una conferenza stampa nella casa dei cittadini. Non hanno consentito alla stampa di entrare con noi. Per questo vi parliamo da dietro le sbarre dell'ingresso. Questa è la Regione nell'era Polverini". "Polverini dimissionata, elezioni subito", recita un cartello che il capogruppo Fds Ivano Peduzzi intende affiggere all'interno della sede". Partecipa all'occupazione pacifica anche il presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli. "Perfino la Lombardia sta pensando di votare entro 45-90 giorni – dice Montino – Qui è un mese che la Regione è senza governo e non conosciamo ancora la data del voto. Entro dicembre si può votare. Non si capisce perché Polverini fa il contrario di quanto più volte anche il ministro Cancellieri ha detto sia possibile fare, ossia votare subito".

"Siamo disposti a stare qui ad oltranza – dice Tedeschi – La Regione è già stata bloccata per due anni e mezzo per mancanza di politica di sviluppo. Tutte le misure adottate si sono rivelate dei bluff. In due anni e mezzo solo immobilismo. Proseguire questa agonia per fare solo delle nomine e dei bandi è intollerabile. Perché Polverini non vuole le elezioni?". "L'atto di oggi è necessario di fronte ad un atteggiamento arrogante. Vogliamo sottolineare la necessità del voto perché su risparmiano soldi", aggiunge il capogruppo dei Verdi Angelo Bonelli.

"Ridiamo la parola ai cittadini del Lazio", recita uno dei cartelli che i consiglieri regionali di opposizione hanno appeso al collo durante la manifestazione di protesta nella sede della giunta. "Elezioni, elezioni", intonano i consiglieri che espongono anche altri cartelli: "Elezioni subito, te ne vai o no, te ne vai sì o no", dicono ancora rivolgendosi al presidente dimissionario Renata Polverini. Intanto cresce il numero dei partecipanti alla simbolica occupazione. Oltre ad esponenti di Pd, Idv, Verdi, Sel e Fds, è arrivato in Regione anche il segretario del Psi Atlantide di Tommaso. L'occupazione procede in maniera pacifica, mentre sul posto è arrivata una volante della polizia. Nel pomeriggio, a quanto si apprende, è atteso l'arrivo del segretario regionale del Pd Enrico Gasbarra.