Regionali, Zingaretti: Election Day per risparmiare? È una balla!

0
37

"La follia di queste ore e che la presidente si è dimessa il 27 settembre. Siamo ormai al 22 ottobre, quasi un mese di tempo e non è successo nulla malgrado il governo abbia chiarito che non è solo un problema legislativo ma che anche politicamente sarebbe giusto non lasciare questa situazione di impasse totale. Anche perchè la vita va avanti, la crisi aumenta". Lo ha detto il presidente della Provincia di Roma e candidato alle prossime regionali, Nicola Zingaretti, intervistato a Repubblica.tv, in merito alla data del voto per la Regione Lazio.

"È accaduto con il caso Fiorito quello che conosciamo – ha aggiunto Zingaretti -, questo ha portato una maggioranza alle dimissioni, e da dopo le dimissioni c'è sostanzialmente un deliberato tentativo di allontanare la data del voto", che ha poi precisato

Per il  presidente della Provincia di Roma con l'election day "non si risparmia niente, anzi una paralisi come quella attuale costa ai cittadini milioni e milioni di euro in termini di assenza di provvedimenti, di investimenti. Il tema del risparmio, quindi, è un'altra balla che hanno messo in giro in queste ore per giustificare in realtà la paura di andare a votare e rimanere a gestire la cosa pubblica. Non c'è alcuna risparmio nell'election day fatto ad aprile o ad una data vicina, ci sono dei costi legati al non funzionamento della macchina amministrativa e decisionale che sono incredibilmente superiori".