Disabili gravi costretti a mesi di burocrazia per curarsi

0
51

Una diffida al Commissario alla sanità Enrico Bondi e una denuncia alla magistratura per portare alla ribalta una delibera regionale che, di fatto, nega l'immediata proroga alle cure per i disabili malati gravi.

Sembra incredibile, ma a complicare, e di molto, la vita già complicatissima di un disabile è intervenuta la delibera 39/2012 della giunta uscente guidata da Renata Polverini la quale, prima di cedere il passo al commissario Bondi, era titolare della sanità e nell'intento di far risparmiare qualche spicciolo all'istituzione da lei guidata ha immaginato il seguente meccanismo, denunciato ieri dal Codacons.

La Regione, spiega l'associazione «ha imposto che i disabili in cura presso strutture convenzionate della regione, dopo al massimo 3 mesi di terapia e anche se malati di SLA o di altre gravissime patologie, per continuare a curarsi debbano sottoporsi ad un calvario». In sostanza la richiesta di proroga delle cure da parte dei medici specialisti non è più sufficiente per proseguire le terapie, e il disabile deve chiamare il Cup della Regione e prendere appuntamento per una visita presso le Asl, le quali devono valutare anche loro (evidentemente non si fidano degli specialisti delle strutture stesse come si fidavano di Fiorito & C) se la malattia necessita effettivamente di una prosecuzione delle cure.

Ma c'è un fatto più grave che ha spinto l'associazione Articolo32 a denunciare il fatto: «Le Asl sono in grado di sostenere la visita di controllo solo dopo 2, 3 o addirittura 4 mesi dalla richiesta – spiegano – cosicché il disabile deve interrompere le cure e restare a casa in attesa che una organizzazione, evidentemente fatiscente e non in grado di far fronte ad una misura che in astratto sarebbe anche giusta, lo sottoponga a controllo e confermi che effettivamente è ancora malato di Sla o di tetraparesi. Per di più il disabile deve sottoporsi alla visita spesso lontano da casa e non di rado la propria Asl gli cambia luogo di cura dirottandolo presso un ambulatorio regionale o altra struttura il che, soprattutto per i bambini, costituisce un grave trauma psicologico».

La questione arriva così alla ribalta pubblica, e il Codacons annuncia battaglia. «Se il Commissario Bondi non cambierà questa assurda situazione – affermano Codacons e Articolo32 – sarà inevitabile denunciare la Regione Lazio e lo stesso Commissario straordinario per maltrattamento di persona incapace e concorso in lesioni gravi ai danni di tanti pazienti gravemente malati».

È SUCCESSO OGGI...

roma

La truffa dei finti poliziotti: un altro caso a Roma

Con tanto di lampeggiante blu sul tettino, in piena notte, fermavano le auto in transito a Tor Bella Monaca e, spacciandosi per poliziotti, fingevano di effettuare dei controlli,  depredando le persone dei loro averi. Quando sono...

Si mangia e beve a Marino: arriva il Castelli Food Truck Festival

Partirà sabato 29 aprile e proseguirà fino a lunedì 1° maggio l’evento denominato CASTELLI ROMANI FOOD TRUCK FESTIVAL, proposto e realizzato dall’Associazione “La Stanza delle meraviglie” in partenariato con l’Assessorato alle Attività Produttive del...
Stadio della Roma

Stadio della Roma, De Vito: «La società non ha ancora inviato il progetto»

Il Comune di Roma è ancora in attesa di "determinazioni e progetti da parte della società Roma" a proposito del nuovo stadio. A spiegarlo all'agenzia Dire il presidente dell'Assemblea capitolina, Marcello De Vito, a margine...

Calciomercato Roma, oggi l’incontro per Kessiè. Dzeko verso il Milan?

Ore e giorni di fuoco in casa Roma. Non solo per l'imminente derby di campionato di domenica 30 aprile (ore 12.30), in cui i giallorossi si giocano contro la Lazio una fetta importante di...

Mafia Capitale, quasi 500 anni complessivi di carcere chiesti dai PM per gli imputati

Erano 16 di 46 gli imputati del processo 'Mafia Capitale' che si sono presentati stamane nell'aula bunker di Rebibbia per ascoltare la requisitoria conclusiva dell'Accusa, in attesa della richiesta di condanne che i Pm...