Elezioni Regionali: voto 10 e 11 febbraio

0
24

 

 

Si voterà il 10 e 11 febbraio per le prossime elezioni regionali nel Lazio. La presidente Polverini avrebbe indicato nel pomeriggio di ieri la data per le elezioni regionali al ministero dell’Interno. Ora sarà lo stesso dicastero a stabilire se il Lazio voterà o no con Lombardia e Molise, quindi nei prossimi giorni ci sarà la firma del decreto che indice le elezioni. La notizia è piombata discretamente nel tardo venerdì pomeriggio lasciando forse perplessi a destra i tanti che, tra le nomine degli ultimi sprazzi di legislatura e i tentativi di ricomporre nel Pdl un assetto politico decente, erano pronti ad attendere ancora un po’.

Il Consiglio di Stato però era stato chiaro e lo scorso martedì, 27 novembre, aveva confermato pienamente la sentenza del Tar e chiesto alla Polverini di procedere alla «immediata indizione» delle elezioni «in modo da assicurarne lo svolgimento entro il più breve termine tecnicamente compatibile con gli adempimenti procedimentali » previsti dalla legge.

Quindi era nuovamente scattato il termine dei cinque giorni che scadeva esattamente domenica pomeriggio. La Polverini dunque non ha voluto usare le 48 ore ancora a sua disposizione (il fine settimana) e così dopo 65 giorni da quel 24 settembre in cui scrisse “questi li mando a casa io” dimettendosi dal ruolo di presidente del Lazio (ma rimanendo nei fatti saldamente al suo posto), i cittadini di Roma e Lazio sono tornati in possesso del loro diritto di voto. Il candidato del centrosinistra Nicola Zingaretti ha esortato a rispettare le regole e ha ricordato: «Per ora solo indiscrezioni. Ma ci sono due sentenze molto chiare. Mi appello affinché tutti le ricordino». Esulta il vincitore del ricorso al Tar, l’avvocato Gianluigi Pellegrino del Mdc: «La democrazia sospesa torna nel Lazio».

Più sorpresi forse gli esponenti del centrodestra laziale, con un Bruno Prestagiovanni che sprona il partito senza candidato, in piena crisi e con un ritardo organizzativo enorme: un disagio che con la data fissata, assume le proporzioni dell’incubo. «Apprendo ora della possibile fissazione della data delle prossime elezioni regionali del Lazio al 10 e 11 febbraio 2013. Adesso il Pdl provveda a convocare i suoi stati generali per decidere su contenuti e programmi » dice Prestagiovanni. «Non ha senso perdersi in chiacchiere, bisogna concentrarsi su forma partitica e sostanza politica con cui affrontare la prossima sfida elettorale, cruciale per il futuro della regione ». Sfide non da poco, considerando che se tutto sarà confermato e non si cercheranno ancora cavilli per ulteriori rinvii, da lunedì ci si inizierà a scaldare davvero per la campagna elettorale.

F.U.