San Filippo Neri, Zingaretti: «Voltare pagina per uscire da melma» (FOTO)

0
54

«Sono qui oggi, e nei prossimi giorni girerò tutte le strutture ospedaliere non solo di Roma. Sono qui non per girare attorno al problema ma per tentare di cominciare a costruire insieme una soluzione che tiri fuori il sistema sanitario dalla melma in cui è precipitato». Con queste parole il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha aperto il suo intervento all'assemblea pubblica all'ospedale San Filippo Neri con i dipendenti della struttura.

«Il punto di partenza è l'ossessione che deve avere chi governa di rispettare la costituzione e l'articolo 32 – ha continuato Zingaretti -. Noi siamo in questa situazione perchè la Regione Lazio non ha avuto una politica sanitaria degna di questo nome e ha prevalso l'ossessione della gestione delle risorse pubbliche attraverso la sanità. Bisogna voltare pagina». Per Zingaretti «il San Filippo Neri si può e si deve salvare, cosi come tutta la sanità del Lazio e insieme dobbiamo costruire un modello sanitario che dimostri che è possibile. O scatta questo meccanismo oppure non ne usciremo mai». 

«In questi giorni tutti i colloqui che ho avuto sono comuni su un punto: il Lazio nn ha più la credibilità – ha detto il candidato del centrosinistra – e quindi partiamo da un punto drammatico che dobbiamo riconquistare». Ma per Zingaretti lo strumento per cambiare esiste: «Riscrivere il nuovo piano sanitario regionale che non permetteremo venga scritto dai soliti noti ma insieme con gli operatori e gli utenti della salute». Tre i pilastri fondamentali per Zingaretti: no a una politica dei piani di rientro che parli solo di equilibri finanziari, fare piazza pulita delle truffe, trasformare «insieme» il modello della salute.

In merito al primo pilastro «nessuno chiede di riprendere la spesa facile ma rifondare gli strumenti e gli equilibri finanziari, il diritto alla salute e anche il rapporto tra commissari e sub commissario». Il secondo pilastro sarà «fare piazza pulita delle truffe. Possiamo parlare dodici anni su dove mettere un reparto ma il problema fondamentale oggi nel Lazio è anche fare piazza pulita delle truffe e degli sprechi che sono ancora un fardello pesante – ha continuato Zingaretti -. Dobbiamo introdurre anche il grande tema della qualità delle persone e gli sprechi, le furbizie, rispetto alla gestione della sanità». 

«Trasformare insieme il modello della salute» è, invece, il terzo pilastro. «Abbiamo il problema degli ospedali, di superare il cancro della precarietà, ma dobbiamo superarlo chiamando le strutture a collaborare – secondo Zingaretti – per trasformare e arricchire l'offerta sanitaria sul territorio».