Destra a pezzi nel Lazio: Lollobrigida con la Meloni, Santori va da Storace

0
33

La campagna elettorale per le elezioni politiche e la candidatura di Storace alla presidenza del Lazio creano smarcamenti e pretattiche tutte interne al centrodestra che di fatto nulla spostano in termini elettorali riguardando liste ormai apparentate con il partito di Berlusconi.

Nel Lazio le novità più rilevanti riguardano la formazione di La Russa e Giorgia MeloniFratelli D'italia” e La Destra che qualcosa al Pdl finiscono per erodere almeno in termini di personalità politiche e dirigenti.

Proprio ieri il Rampelliano Francesco Lollobrigida già assessore ai trasporti epurato da Renata Polverini dopo le sue dimissioni e coordinatore provinciale di quel partito, halasciato il Pdl per i “Fratelli”, notizia di per sé scontata dati i rapporti che lo legano anche all’ex ministra Meloni. Ma qualche defezione si va manifestando anche nel partito capitolino dove il consigliere Pdl e presidente della commissione Sicurezza, Fabrizio Santori, è ufficialmente passato con La Destra e sarà candidato alle prossime elezioni regionali.

Secondo quanto apprende l’agenzia DIRE, poi, transiteranno a La Destra e saranno candidati in Consiglio regionale altri due “pezzi” del Pdl: il consigliere comunale di Roma, Giuseppe La Fortuna, e l’ex consigliere regionale Luigi Celori. Infine per quanto riguarda i radicali che non hanno concluso l’accordo con Storace per motivi “tecnici”, il segretario Mario Staderini ha annunciato che ancora ieri si stavano raccogliendo le firme per la candidatura del consigliere regionale Giuseppe Rossodivita alla presidenza del Lazio.

Infine altre due notizie che riguardano la corsa per le comunali che si svolgeranno probabilmente a giugno. La prima è che il candidato Umberto Croppi già assessore alla cultura con Alemanno sta raccogliendo fondi via internet, mentre a sinistra Maria Gemma Azuni consigliera capitolina di Sel, ma aderente al gruppo misto, ha annunciato la sua candidatura al Campidoglio per le primarie del centrosinistra che dovrebbero svolgersi alla fine di marzo. La Azuni si aggiunge così alle candidature già annunciate per le primarie di Gentiloni, già candidato alla camera, del capo gruppo Marroni candidato al senato, dell’eurodeputato Sassoli, della ex assessora allo sport della provincia Patrizia Prestipino.