Treni, migliaia le corse soppresse

0
50
 

Il fallimento del sistema della mobilità capitolina provocato dall’Amministrazione Alemanno ha riguardato anche le ferrovie ex-concesse, dove negli ultimi anni non si è intervenuto per risolvere le forti carenze infrastrutturali, per rinnovare l’ormai vetusto parco mezzi o ampliare gli interventi di manutenzione e ammodernamento. In particolare, la Roma-Viterbo ha evidenziato la soppressione di quasi 5.000 corse rispetto alle 36.600 previste nella sola tratta urbana, vale a dire una perdita del 13,5% del trasporto (solo ad agosto sono state soppresse oltre 2.100 corse rispetto alle 4.170 previste nella tratta urbana Flaminio- Montebello: una riduzione superiore al 50%). Sulla linea Roma-Giardinetti le corse soppresse sono oltre 7.000 rispetto alle 94.800 indicate con una riduzione del 7,5% del servizio, mentre sulla Roma-Lido ci sono centinaia di corse soppresse ogni mese e ritardi quotidiani dovuti a inefficienze strutturali e ridotta disponibilità di vetture. In diverse occasioni, infatti, il servizio sulla ferrovia per Ostia ha subito lunghe interruzioni per danni alla rete di alimentazione oppure è iniziato con appena 6 treni rispetto ai 12 convogli necessari: di conseguenza è spesso disponibile solo la metà della flotta, con conseguenti disagi per i viaggiatori. Le tre ferrovie ex-concesse hanno “conquistato” quest’anno il Trofeo Caronte, il premio attribuito da Legambiente alle peggiori ferrovie del Lazio.

Oltre ai disagi legati al servizio di linea, sono state evidenziate numerose criticità: totale mancanza di informazioni, servizi igienici assenti o inutilizzabili sia in stazione che a bordo treno, il sistema di condizionamento inesistente, convogli sporchi e sovraffollati, carenza di indicazioni.

La ferrovia Roma-Viterbo trasporta ogni giorno circa 75.000 passeggeri con 188 corse urbane e 43 extraurbane con una flotta di 17- 18 treni quotidianamente in servizio: si registrano molto spesso ritardi e corse soppresse, il parco rotabile è vetusto e limitato, i parcheggi alle stazioni sono inadeguati. La linea Roma -Giardinetti conta circa 35.000 passeggeri ogni giorno con 256 corse: un servizio assolutamente insufficiente, con treni vecchi – freddi d'inverno e caldi d'estate – attese interminabili alle stazioni, prive di pensiline per ripararsi.

La linea Roma-Lido registra 90.000 passeggeri ogni giorno con una media di circa 150 corse giornaliere: l’infrastruttura ferroviaria ha bisogno di importanti interventi di manutenzione, mentre i treni sono insufficienti a garantire il regolare servizio di trasporto, con convogli stracolmi, che spesso non riescono a chiudere le porte. Situazioni insostenibili che si scontrano con il forte aumento del numero dei passeggeri del trasporto ferroviario avvenuto negli ultimi dieci anni: i pendolari che viaggiano ogni giorno sulle ferrovie nel Lazio, infatti, sono oltre550.000. (3/fine)

Massimiliano Valeriani

consigliere comunale Pd Roma Capitale

È SUCCESSO OGGI...

Ostia Antica, anziana derubata dalla badante: ecco cosa faceva

I Carabinieri della Stazione di Roma Ostia Antica e della Stazione di Roma Acilia, hanno arrestato una donna romana, di 47 anni,  per furto aggravato ai danni dell’anziana alla quale faceva da badante. Già da...

Spari nella notte, un morto in strada

Un albanese di 43 anni è stato colpito da 4 colpi d’arma da fuoco, alle gambe ed al torace, che ne hanno causato la morte. É accaduto verso le 23 di ieri sera a Roma in...

Ubriaco semina il panico sull’autobus e aggredisce un carabiniere

Nella serata di martedì i militari della Stazione Carabinieri di Roma Vitinia, in ausilio ad un Appuntato dei Carabinieri libero dal servizio, in forza alla Compagnia Carabinieri Aeroporti di Fiumicino, hanno arrestato un cittadino...